Top Banner
52

Allegato-Piano strategico 2012

Mar 08, 2016

ReportDownload

Documents

Allegato del Piano strategico 3/2012 - Verso Ca' Foscari 2018

  • 1La nuova normativa sulla programmazione delle Universit (art. 1-ter L. 43/2005) prevede ladozione da parte delle ultime di un Programma triennale (quello attuale riguarda il 2010-2012), rimodulabile al 30 giugno di ogni anno, coerente con le linee generali dindirizzo definite dal MIUR (DM 50/2010) che individuano gli obiettivi specifici da raggiungere e le possibili linee dazione per il loro perseguimento, con le connesse indicazioni operative. La normativa prevede che il Programma triennale riguardi in particolare: a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonch quelli da sopprimere; b) il programma di sviluppo della ricerca scientifica; c) le azioni per il sostegno e il potenziamento dei servizi e degli interventi a favore degli studenti; d) i programmi di internazionalizzazione; e) il fabbisogno di personale docente e non docente a tempo sia determinato che indeterminato, ivi compreso il ricorso alla mobilit. Sempre in materia di programmazione delle Universit, intervenuta anche la riforma Brunetta (DL 150/2009) che prevede la redazione di un Piano triennale della performance da adottare entro gennaio di ogni anno che individui gli indirizzi e gli obiettivi strategici e operativi e definisca, con riferimento agli obiettivi finali, intermedi e alle risorse, gli indicatori per la misurazione e valutazione della performance con riferimento allamministrazione nel suo complesso, alle aree di responsabilit in cui si articola e ai singoli dipendenti limitatamente al personale tecnico-amministrativo. Il Programma triennale e il Piano della performance possono essere consolidati in un unico documento che pur distinguendo al suo interno gli specifici ambiti dintervento non lasci dubbi sul loro comune punto di partenza: lambizione strategica dellUniversit.Questa stata la scelta di Ca Foscari che ha ritenuto per prioritario, andando cos oltre alle richieste normative, formulare innanzitutto un Piano strategico per definire in modo chiaro e condiviso i valori in cui crede, la missione che si data ma soprattutto la sua visione e i connessi obiettivi, le strategie per raggiungerli e le azioni necessarie, limitatamente al triennio successivo, per lefficace implementazione delle ultime. Lorizzonte temporale del Piano strategico stato evocativamente fissato nel 2018, 150 anniversario della fondazione di Ca Foscari. Per il lungo orizzonte temporale assunto, ma soprattutto per il fine a cui assolve, il significato di tale Piano strategico diverso dal Programma triennale e dal Piano della performance pur condividendone chiaramente le azioni da implementare nel triennio successivo. Esso rappresenta infatti il primo ma forse pi importante passo del difficile cammino di innovazione che Ca Foscari ha deciso di intraprendere per tornare a essere una delle migliori Universit dEuropa.Il presente documento costituisce un allegato al Piano strategico dellUniversit Ca Foscari Venezia e ha lobiettivo di illustrare la metodologia adottata, evidenziandone anche gli elementi di novit, e quindi le diverse fasi costituenti il processo di formulazione del piano stesso per permettere di meglio interpretarne i contenuti.

    02 La metodologia adottata e le fasi sviluppate

    04 Fase 1: La Mappatura dellambizione strategica

    08 Fase 2: Il primo allineamento dellambizione strategica

    20

    22

    41

    50

    59

    Fase 3: Lanalisi dellambiente interno ed esterno

    La verifica della Struttura Interna nel tema strategico Ricerca-Didattica-Territorio"

    La verifica della Struttura Esterna nel tema strategico Ricerca-Didattica-Territorio

    La verifica della Struttura Interna nel tema strategico Amministrazione

    La verifica della Struttura Esterna nel tema strategico Amministrazione

    64

    70

    76

    83

    Fase 4: Il secondo allineamento dellambizione strategica

    Gli Obiettivi e le Strategie nel tema strategico Ricerca-Didattica-Territorio

    Gli Obiettivi e le Strategie nel tema strategico Amministrazione

    Il confronto con gli stakeholder

    86 Fase 5: Il piano strategico

    88 Allegato ALe basi dati analizzate

    92 Allegato BI competitor selezionati

  • 2 3

    Il Piano strategico di Ca Foscari il risultato di interviste, analisi documentali, confronti con i maggiori competitor ma soprattutto di momenti di condivisione delle ambizioni strategiche dei principali soggetti preposti al governo dellUniversit. La creazione di unambizione strategica fondamentale per qualsiasi organizzazione che operi in un contesto ad alta incertezza. Nellimpossibilit infatti di prevedere un futuro probabile, lunica soluzione scommettere su uno possibile e desiderabile esplicitando ai membri dellorganizzazione il senso della direzione strategica da seguire per realizzarlo. La creazione di unambizione strategica condivisa risulta poi particolarmente importante per unorganizzazione particolare quale lUniversit che risulta caratterizzata da una governance collegiale dove al Consiglio di Amministrazione, si affiancano il Senato Accademico, i Consigli di Facolt e di Dipartimento. Non solo. Per funzionare lUniversit richiede la presenza di competenze specialistiche cosicch molte decisioni strategiche, in primis quelle inerenti lofferta dei prodotti di didattica e ricerca, non sono di esclusiva competenza dellamministrazione centrale ma frutto di processi collettivi e interattivi tra lultima e il personale docente chiamato a rappresentare le diverse aree disciplinari. Le tradizionali metodologie di pianificazione strategica debbono quindi essere adattate al contesto universitario stressando innanzi tutto laspetto della partecipazione e condivisione sia interna che esterna.Tutto ci diminuisce limportanza delle analisi oggettive del contesto attuale e quindi prospettico, rispetto alle percezioni soggettive di chi preposto al governo dellUniversit circa i punti di forza e debolezza interni e le minacce e opportunit esterne da cui poi discendono la missione, la visione e i connessi obiettivi, e le strategie per raggiungerli. Il processo di formulazione della piano strategico [Figura 1] perci partito dalla mappatura dellambizione strategica dei principali soggetti preposti al governo dellUniversit (Fase 1) per verificare il loro grado di allineamento (Fase 2). seguita lanalisi oggettiva dellambiente interno ed esterno (Fase 3) per verificare tra due percezioni soggettive discordanti quale fosse quella corretta, ma anche la fondatezza delle percezioni soggettive concordanti. Questo ha permesso di raggiungere un maggiore grado di allineamento (Fase 4) su quale dovrebbe essere lambizione strategica di Ca Foscari che stata sottoposta allattenzione degli stakehoder prima di arrivare alla redazione finale del Piano strategico (Fase 5).La consapevolezza che le Universit sono organizzazioni particolari ha portato ad affidare lo sviluppo del piano strategico di Ca Foscari a un team misto composto da personale dellUfficio Pianificazione e Valutazione e docenti del Dipartimento di Management coordinati dal prof. Carlo Bagnoli. Nel proseguo del documento si descrive linnovativa metodologia adottata approfondendo il contenuto delle singole fasi sviluppate e illustrando i risultati (anche parziali) che esse hanno permesso di raggiungere. Questo per permettere agli stakeholder di meglio interpretare i contenuti del Piano strategico, ma anche ad altre Universit interessate a formulare il proprio Piano strategico di beneficiare dellesperienza fatta dallUniversit veneziana.

    Figura 1. Le fasi del processo di formulazione del Piano Strategico

    La metodologia adottata e le fasi sviluppate

    Primo allineamento della ambizione strategica

    Fase 1 Fase 3 Fase 2 Fase 4 Fase 5

    Secondo allineamento della ambizione strategica

    Analisi ambiente interno

    Analisi ambiente esterno

    Piano strategico Mappatura della ambizione strategica

    ANALISI

    ANALISI

    PERCEZIONE SOGGETTIVA

    PERCEZIONE SOGGETTIVA

  • 4 5

    La mappatura dellambizione strategica

    Il processo di formulazione del Piano strategico ha preso avvio il 26 febbraio 2010 dallo sviluppo di alcune interviste semi-strutturate finalizzate a mappare e quindi porre a confronto le percezioni soggettive dei principali soggetti preposti al governo strategico di Ca Foscari in merito allambizione strategica che essa dovrebbe porsi. Le interviste sono state strutturate a partire da un modello di analisi [Figura 2] che prende in considerazione le seguenti sei variabili critiche per la definizione di unambizione strategica:

    Struttura interna: identifica le caratteristiche dellorganizzazione (assetto istituzionale, organizzativo, tecnico e finanziario, organismo personale, attivit operative, ecc.) e quindi i suoi punti di forza e debolezza.

    Struttura esterna: identifica le caratteristiche del contesto generale (ambiente naturale-infrastrutturale, politico-istituzionale, economico-finanziario, socio-culturale, ecc.) e specifico (settore, concorrenti, potenziali entranti, aziende complementari, clienti, fornitori, enti finanziatori, collettivit, ecc.) nei quali lorganizzazione si trova a operare e quindi le opportunit e le minacce che si trova ad affrontare.

    Missione e visione: la prima definisce in modo ampio e duraturo lo scopo che si pone lorganizzazione per distinguersi dai competitor identificando anche il suo campo di attivit in termini di prodotto/mercato. La Visione esplicita invece la direzione dellorganizzazione, la sfida cio che essa si pone di vincere immaginando un futuro realistico, credibile e per lei attraente. La Missione e la Visione risentono della lettura della Struttura Interna (frecce tratteggiate curve) e della Struttura Esterna (frecce tratteggiate curve). Nella loro formulazione, cio, non si pu prescindere da - ma neanche appiattirsi su - lanalisi dei punti di forza e debolezza dellorganizzazione interna, e delle minacce e opportunit del contesto esterno.

    Obiettivi interni ed esterni: articolano la Visione (frecce continue curve discendenti) in obiettivi a medio-lungo termine specifici, concreti e misurabili definiti tenendo in considerazione anche i vincoli posti dalla Struttura Interna ed Esterna (frecce continue curve ascendenti). Gli Obiettivi si distinguono in Interni o Esterni a seconda che abbiano (prevalentemente) a oggetto aspetti legati allorganizzazione interna o alla sua posizione nel contesto esterno.

    Strategie (e Azioni triennali): traducono in programmi dazione a medio-lungo termine gli Obiettivi Interni ed Esterni (frecce continue dritte discendenti). Queste trovano poi attuazione concreta nelle Azioni triennali che andranno ad alimentare la programmazione universitaria costituendo di fatto il collegamento tra il Piano strategico, il Programma triennale e il Piano della performance.

    Figura 2. Il modello di analisi utilizzato nelle interviste

    Fase 1

    StrategieStruttura interna

    Strutturaesterna

    Obiettivi Esterni

    Obiettivi Interni

    Missione e Visione

  • 6 7

    Gli intervistati sono stati quindi individualmente chiamati a descrivere in termini narrativi la propria percezione in merito allambizione strategica che Ca Foscari dovrebbe porsi partendo dallidentificazione dei punti di forza e debolezza della Struttura Interna e delle opportunit e minacce della Struttura Esterna. Questo ha permesso loro di identificare la Missione e Visione di Ca Foscari e, quindi, di definire gli Obiettivi Interni ed Esterni che essa dovrebbe porsi. Sono state infine identificate le Strategie da implementare per raggiungere tali obiettivi senza per arrivare al dettaglio delle azioni triennali da implementare.

    I soggetti intervistati in questa prima fase sono stati 12:- il Rettore: Prof. Carlo Carraro- i cinque Prorettori: Prof. Stefano Gasparri, Prof. Agostino Cortesi, Prof. Ettore Cingano, Prof. Ugo Sostero, Prof.ssa Daniela Rizzi;- i quattro Presidi di Facolt: Prof.ssa Antonella Basso Facolt di Economia, Prof. Filippo Maria Carinci Facolt di Lettere e Filosofia, Prof.ssa Alide Cagidemetrio Facolt di Lingue e Letterature Straniere e il Prof. Paolo Cescon Facolt di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali.- la Presidente del Consiglio dei Direttori di Dipartimento: Prof.ssa Carmelita Camardiil Direttore Amministrativo: Ing. Alberto Scuttari.

    Ogni intervista, della durata di un paio dore circa, stata registrata, trascritta e integrata con le annotazioni prese dal team di progetto. Sulla base di tale materiale stata quindi redatta una Mappa strategica che riassume in forma grafica lambizione strategica dei soggetti intervistati sintetizzandone i principali concetti emersi diversamente posizionati e colorati [Figura 3]. La strutturazione grafica ricalca il modello di analisi utilizzato nelle interviste. I concetti relativi alla Struttura Interna ed Esterna sono stati cos posizionati in basso a, rispettivamente, sinistra e destra colorando in giallo (ottimismo) i punti di forza interni e le opportunit esterne, mentre in nero (pessimismo) i punti di debolezza interni e le minacce esterne. La Missione e la Visione sono state posizionate in alto al centro e colorate in rosso (emotivit). Gli Obiettivi Interni ed Esterni sono stati posizionati a met a, rispettivamente, sinistra e destra colorando in azzurro (razionalit) quelli collegati a progetti di razionalizzazione (miglioramento incrementale) e in verde (creativit) quelli collegati a progetti di innovazione (miglioramento radicale). Le Strategie sono state posizionate in basso al centro colorate anchesse in azzurro o verde in accordo con gli Obiettivi Interni ed Esterni dai quali discendono. Durante le interviste emerso che alcune catene concettuali (StrutturaObiettiviStrategie) erano riconducibili a 3 diversi Temi strategici: RicercaDidatticaTerritorio, Amministrazione e Governance. Si quindi deciso di rappresentare separatamente tali catene concettuali redigendo una sotto Mappa per ogni Tema strategico emerso. Ogni Mappa strategica stata revisionata e corretta assieme agli intervistati in un secondo incontro individuale, della durata di circa unora e mezza, al termine del quale si pervenuti alla redazione delle sotto Mappe e quindi, attraverso la loro unione, della Mappa strategica certificata.

    Figura 3. Esempio di una sotto Mappa strategica

    CARLO CARRARO - RICERCA / DIDATTICA/ TERRITORIO

    Orientamento

    Polit

    iche

    in

    Polit

    iche

    out

    Stru

    ttur

    a in

    tern

    a

    Stru

    ttur

    a es

    tern

    a

    Impatto sulla struttura Attivit Impatto sulla struttura

    Riorganizzazione strategica delle strutture

    di ricerca e didattica Intervento di riorganizzazione

    interna

    Migliorare la visibilit di Ca' Foscari a livello

    locale, nazionale e internazionale

    Fondazione Ca' Foscari:

    fund raising e innovation

    board

    Assegnazione mirata dei finanziamenti

    (non in parti uguali)

    Valutazione ricerca e didattica

    (Agenzia per la valutazione)

    Integrazione con altri atenei: veneziani e veneti

    Integrazione con il territorio

    Localizzazione in Venezia: patrimonio culturale e ambientale

    Scarsa attenzione degli enti pubblici territoriali

    Scarsa attenzione degli enti pubblici statali

    Gap culturale e dimensionale degli enti pubblici e privati che impedisce la valorizzazione della ricerca, in particolare di quella umanistica come completamento

    alla ricerca economico - scientifica

    Economia ha pochi competitors

    Lettere ha molti competitors

    Lingue non ha competitors

    Scienze ha molti competitors

    Ridotta visione

    strategica

    Dimensione ridotta:

    adattabilit, flessibilit e

    rapidit di risposta necessariamente

    focalizzata

    Tradizione storica: studi economici e

    linguistici

    Creazione scuole e razionalizzazione dei

    dipartimenti

    SMFN: potenzialit inespressa limitatamente a

    scienze ambientali e del restauro

    Lingue: potenzialit espressa per attenta

    focalizzazione soprattutto con riferimento alle lingue

    orientali

    Lettere : potenzialit inespressa per scarsa

    focalizzazione

    Economia: potenzialit parzialmente espressa per

    scarsa focalizzazione soprattutto su management

    Ca' Foscari come Universit internazionale orientata all'equilibrio tra ricerca e didattica in contatto con il territorio

    Politiche gestione docenti, ricercatori, dottorandi

    Piano strategico Polo Universitario Veneziano promosso da Ca' Foscari

    Piano strategico del Polo Universitario Veneto

    Progetti sperimentali di integrazione

    Polo delle Arti Veneziano (Ca' Foscari, IUAV,

    Accademia, Conservatorio, altri enti)

    Valutazione ricerca e didattica

    (Agenzia per la valutazione)

    Rilancio di VIU

    Lancio di VESIC

    Rilancio CEG

    Polo delle Arti Veneziano (Ca' Foscari, IUAV,

    Accademia, Conservatorio, altri enti)

    Piano strategico Polo Universitario Veneziano promosso da Ca' Foscari

    Piano strategico del Polo Universitario Veneto

    Progetti sperimentali di integrazione

    Polo delle Arti Veneziano (Ca' Foscari, IUAV,

    Accademia, Conservatorio, altri enti)

    Rilancio di VIU

    Scarsa attenzione degli enti pubblici statali

    CARLO CARRARO - RICERR RCA / DIRR DADD TTICA/ TERRIAA TORIOOrientamento

    Polit

    iche

    in

    Polit

    iche

    out

    Stru

    ttur

    a in

    tern

    a

    Stru

    ttur

    a es

    tern

    a

    Impatto sulla struttura Impatto sulla struttura Struttura esterna

    Obiettivi Interni

    Missione e Visione

    Obiettivi Esterni

    Struttura interna

    Strategie

    Figura 3 Esempio di una sotto Mappa strategica

  • 9Primo allineamento della ambizione strategica

    Fase 2

    Il processo di formulazione del Piano strategico quindi proseguito con il consolidamento delle sotto Mappe strategiche certificate emerse nella Fase 1 in 3 sotto Mappe strategiche: una per Tema strategico. A tal fine il team di progetto ha in primis provveduto a standardizzare i concetti emersi durante le diverse interviste per eliminare le differenze meramente lessicali. I risultati raggiunti, ossia le singole Mappe strategiche standardizzate, sono stati discussi il 13 aprile 2010 alla presenza di tutti gli intervistati per verificare che le operazioni di sintesi e standardizzazione sviluppate non avessero alterato il significato dei concetti espressi. Dopo aver fatto esporre al Rettore, prof. Carlo Carraro, la sua Mappa strategica per avere un punto di riferimento nella discussione, si proceduto a verificare il grado di allineamento tra tutti gli intervistati. Si innanzi tutto proceduto a verificare e discutere il loro grado di allineamento relativamente alle premesse di Struttura Interna ed Esterna. A tal fine si sono rappresentati tutti gli 11 punti di forza e debolezza [Figura 4, colonna di sinistra] e le 11 minacce e opportunit [Figura 4, colonna di destra] emersi durante le interviste evidenziando, attraverso le iniziali del nome e cognome, da chi fossero stati riconosciuti.

    Figura 4. Le premesse di Struttura Interna ed Esterna emerse dalle interviste

    Minore visibilit rispetto ai competitors [US, DR]

    Piccola universit di massa con limitata ampiezza disciplinare [SG]

    Adattabilit, flessibilit e rapidit di risposta [RCC, TC, CC, DR]

    Adattabilit, flessibilit e focus sulla ricerca (anche sulle nicchie di valore) [EC]

    Dimensione ridotta: [RCC, TC, CC, DR, EC, US, DR, SG]

    Tradizione storica: studi economici e linguistici [RCC, AC]

    Visione strategica interdisciplinare [AC]

    Docenti: scarsa propensione internazionale [AB, FC]

    Esistenza di alcuni gruppi di ricerca eccellenti [TC]

    Ca Foscari: Teaching University [PC]

    Struttura divisionale rigida, verticistica e negoziale [AS]

    Numero target minimo di studenti [AS]

    Fabbisogni da soddisfare nel territorio [US]

    Patrimonio culturale e ambientale [RCC, AB, AC, CC, DR, EC, FC, PC, SG, TC]

    Visibilit internazionale di Venezia [RCC, AB, CC, DR, EC, FC, PC, TC, US]

    Peculiarit positive del vivere in Venezia [DR]

    Localizzazione in Venezia: [RCC, AB, AC, CC, DR, EC, FC, PC, SG, TC]

    Ministero incentiva la cooperazione tra atenei [US]

    In particolare di quella umanistica come completamento a quella ec. scientifica [RCC]

    Gap culturale degli enti privati che impedisce la valorizzazione della ricerca

    [RCC, AB, PC]

    Opinione pubblica considera luniversit improduttiva [CC]

    Scarsa cooperazione con enti culturali veneziani e veneti [FC]

    Scarsa attenzione degli enti pubblici territoriali [RCC, AB, FC, SG]

    Il grado di allineamento sulle premesse di Struttura Interna ed Esterna apparso non elevato. Infatti, solo la Localizzazione in Venezia di Ca Foscari stata riconosciuta da quasi tutti gli intervistati (11 su 12) come unopportunit da sfruttare. La Dimensione ridotta di Ca Foscari stata la seconda premessa pi riconosciuta (8 su 12). stata per percepita da 4 intervistati come un punto di forza su cui far leva, mentre da altri 4 come un punto di debolezza da eliminare da cui la bi-colorazione gialla e nera.Si quindi proceduto a verificare e discutere il grado di allineamento tra le diverse Missioni pi che Visioni emerse durante le interviste1. A tal fine, a ogni intervistato stato innanzi tutto chiesto di illustrare la propria percezione in merito alla Missione che Ca Foscari dovrebbe porsi partendo dalla spiegazione delle sole premesse di Struttura Interna ed Esterna alla stessa connesse [Figura 5].

    1. Alla domanda Cosa dovrebbe essere Ca Foscari nel 2018?, tutti gli intervistati hanno di fatto enunciato una Missione senza spingersi a identificare anche una vera e propria Visione.

  • 10 11

    Figura 5. Esempio di una Missione emersa e delle connesse premesse di Struttura Interna ed Esterna

    "#$$%"#!&'"(%!&'""'"%!

    Minore visibilit rispetto ai competitors [US, DR]

    Piccola universit di massa con limitata ampiezza disciplinare [SG]

    Adattabilit, flessibilit e rapidit di risposta [RCC, TC, CC, DR]

    Adattabilit, flessibilit e focus sulla ricerca (anche sulle nicchie di valore) [EC]

    Dimensione ridotta: [RCC, TC, CC, DR, EC, US, DR, SG]

    Tradizione storica: studi economici e linguistici [RCC, AC]

    Visione strategica interdisciplinare [AC]

    Docenti: scarsa propensione internazionale [AB, FC]

    Esistenza di alcuni gruppi di ricerca eccellenti [TC]

    Ca Foscari: Teaching University [PC]

    Struttura divisionale rigida, verticistica e negoziale [AS]

    Numero target minimo di studenti [AS]

    Fabbisogni da soddisfare nel territorio [US]

    Patrimonio culturale e ambientale [RCC, AB, AC, CC, DR, EC, FC, PC, SG, TC]

    Visibilit internazionale di Venezia [RCC, AB, CC, DR, EC, FC, PC, TC, US]

    Peculiarit positive del vivere in Venezia [DR]

    Localizzazione in Venezia: [RCC, AB, AC, CC, DR, EC, FC, PC, SG, TC]

    Ministero incentiva la cooperazione tra atenei [US]

    In particolare di quella umanistica come completamento a quella ec. scientifica [RCC]

    Gap culturale degli enti privati che impedisce la valorizzazione della ricerca

    [RCC, AB, PC]

    Opinione pubblica considera luniversit improduttiva [CC]

    Scarsa cooperazione con enti culturali veneziani e veneti [FC]

    Scarsa attenzione degli enti pubblici territoriali [RCC, AB, FC, SG]

    Ca Foscari come Universit internazionaleorientata allequilibrio tra ricerca e didattica in contatto con il territorio

    [RCC Rettore Carlo Carraro]

    Dei 10 concetti complessivamente emersi, 3 sono stati citati da solo 1 intervistato (Interdisciplinariet, Specializzazione e Razionalizzazione), 3 da solo 2 intervistati (concetti residuali) e 4 da pi di 2 intervistati (concetti rilevanti) [Figura 6]. Anche il grado di allineamento a livello di Missione apparso quindi non elevato. Solo i concetti collegati di Ricerca e Internazionale sono stati frequentemente riconosciuti. Se per la maggiore enfasi posta sul concetto Ricerca rispetto al quella posta sul concetto Didattica evidenzia un preciso orientamento su come risolvere il trade-off tradizionalmente intercorrente tra tali focus, luguale enfasi posta sul concetto Internazionale e su quello Territorio non evidenzia invece un altrettanto preciso orientamento ovvero pu tradire la percezione che non esista per gli intervistati un trade-off tra tali focus. Sicuramente non stata riconosciuta dalla maggior parte degli intervistati la possibile esistenza di un trade-off tra i concetti di Tradizione e Innovazione, e neanche come lultima possa trarre beneficio dalla costituzione di una Federazione tra le Universit del Territorio come suggerito dalle direttive nazionali e regionali.

    Figura 6. I concetti pi ricorrenti emersi a livello di Missione

    Concetti residuali Concetti rilevanti

    Paradosso della Glocalizzazione(Trade-off non risolto)

    Priorit alla Ricerca (Trade-off risolto)

    Scarsa considerazione delle reti formali per linnovazione

    su scala internazionale prima Scuola Superiore di

    Commercio in Europa(Trade-off non riconosciuto)

    1868-2018Anniversario Ca Foscari

    e delle direttive nazionali e regionali

    5

    10

    7

    7

    2

    2

    2

    Didattica

    Ricerca

    Internazionale

    TerritorioFederazione

    Innovazione

    Tradizione

    Si poi proceduto a verificare e discutere il grado di allineamento a livello di Temi strategici valutandone limportanza in termini sia assoluti (osservando il numero di interviste in cui sono emersi), che relativo (ponderandone la presenza per il numero di Strategie a essi collegati). Relativamente allimportanza assoluta si riscontrato che in 9 interviste sono emersi tutti i Temi strategici: RicercaDidatticaTerritorio, Amministrazione e Governance, in 2 interviste solo i primi due e in 1 intervista solo il primo. Relativamente allimportanza relativa, si ritenuto utile procedere comparando quella attribuita da ogni singolo intervistato con quella attribuita dal Rettore, prof. Carlo Carraro [Figura 7]. Alla fine emerso un maggior allineamento per area disciplinare di appartenenza che per ruoli ricoperti (prorettori, presidi, ecc.). In particolare, il Rettore e i membri della Facolt di Scienze hanno attribuito unimportanza simile ai 3 Temi strategici, i membri della Facolt di Economia maggiore importanza al Tema RicercaDidatticaTerritorio, mentre quelli della Facolt di Lingue al tema Governance.

    Figura 7. Esempio di comparazione a livello di importanza attribuita ai Temi strategici

    Si quindi proceduto a verificare e discutere il grado di allineamento a livello di Obiettivi Interni ed Esterni limitando lanalisi a quelli (12 su 24) identificati da almeno due intervistati. Come prima, si valutata limportanza degli Obiettivi in termini sia assoluti (osservando il numero di interviste in cui sono emersi), che relativo (ponderandone la presenza allinterno dei Temi strategici per il numero di Strategie a essi collegati).

    Figura 8. Gli Obiettivi Interni ed Esterni pi ricorrenti emersi

    OBIETTIVI INTERNI

    OBIETTIVI ESTERNI

    11

    9

    10

    10

    74

    7612

    2

    10

    11

    Riorganizzazione strategica delle strutture di ricerca e

    didatticaMiglioramento

    meccanismi decisionali / governance

    Intervento di riorganizzazione interna

    Politiche gestione docenti, ricercatori, dottorandi

    Politiche gestione PTA

    Sviluppo del sistema informativo

    Aumento della vivibilit in Venezia

    Attrazione di eccellenze

    Migliorare la visibilit di Ca' Foscari a livello locale, nazionale e internazionale

    Cooperazione con altri atenei: veneziani, veneti e

    triveneti

    Integrazione con il territorio

    Integrazione con altri atenei: veneziani e veneti

    Governance

    Amministrazione Ricerca-Didattica-Territorio

    Carraro Intervistato XX

  • 12 13

    Relativamente allimportanza assoluta si riscontrato un grado di allineamento abbastanza elevato a eccezione che nel caso degli obiettivi, tra laltro a due a due collegati, Sviluppo del sistema informativo e Politiche di gestione del PTA; e Aumento della vivibilit in Venezia e Attrazione di eccellenze [Figura 8]. La bassa ricorrenza dellObiettivo Cooperazione con altri atenei: veneziani, veneti e triveneti evidentemente riconducibile allalta ricorrenza di quello similare Integrazione con altri atenei: veneziani e veneti. Relativamente allimportanza relativa, si ritenuto utile procedere anche in questo caso comparando quella attribuita da ogni singolo intervistato con quella attribuita dal Rettore [Figura 9]. Alla fine emerso che il Rettore ha attribuito, allinterno del Tema strategico: RicercaDidatticaTerritorio, diversa rilevanza agli Obiettivi emersi similmente agli altri intervistati; Amministrazione, uguale rilevanza agli Obiettivi emersi differentemente dagli altri intervistati; Governance, forte rilevanza allObiettivo Integrazione con altri atenei: veneziani e veneti a differenza di molti intervistati. In sintesi, valutando limportanza degli obiettivi in base al numero di Strategie a essi collegati il grado di allineamento risultato meno elevato rispetto a quanto apparso inizialmente e questo soprattutto con riferimento al Tema strategico Amministrazione e ancor di pi con riferimento al Tema strategico Governance.

    Figura 9. Esempio di comparazione a livello di importanza attribuita agli Obiettivi2

    2. Un obiettivo pu rientrare in pi Temi strategici (es.: Integrazione con il territorio presente sia in Governance che in Amministrazione) se le Strategie connesse sono diverse e gli fanno assumere un significato diverso. Alla fine sono stati quindi identificati 8 Obiettivi nel Tema strategico Ricerca-Didattica-Territorio, 5 in quello Amministrazione e 8 in quello Governance.

    Anche in ragione dei risultati sopra richiamati, si infine proceduto a verificare e discutere il grado di allineamento a livello di Strategie. A tal fine, per tutti i 24 Obiettivi, prendendo perci in considerazione anche quelli identificati da un solo intervistato, si sono rappresentate tutte le 144 Strategie emerse durante le interviste evidenziando, attraverso le iniziali del nome e cognome, da chi fossero state proposte [Figura 10]3. Dallanalisi emerso che relativamente al Tema strategico RicercaDidatticaTerritorio, sono state riconosciute da almeno la met degli intervistati solo le strategie: Specializzazione, sviluppo interdisciplinariet e sinergie (ma anche sedi, ecc.) connessa allObiettivo Riorganizzazione strategica delle strutture di ricerca e didattica; Valutazione di ricerca e didattica connessa allObiettivo Politiche di gestione docenti, ricercatori, dottorandi, Piano strategico Polo Universitario veneziano e veneto connessa allObiettivo Integrazione con altri atenei: veneziani e veneti. Relativamente poi al Tema strategico Amministrazione, sono state riconosciute da almeno la (quasi) met degli intervistati solo le strategie: Ufficio comunicazione (connessa allObiettivo Intervento di riorganizzazione interna), Valutazione dellorganizzazione connessa allObiettivo Gestione PTA, Costruzione di alloggi per studenti, ricercatori e docenti connessa allObiettivo Aumento della vivibilit in Venezia. Relativamente infine al Tema strategico Governance, si sono evidenziate poche Strategie riconosciute da tutti gli intervistati ma con contenuti anche profondamente diversi, in primis: Creazione delle scuole e razionalizzazione dei dipartimenti connessa allObiettivo Riorganizzazione strategica delle strutture di ricerca e didattica e Redazione del nuovo statuto connessa allObiettivo Miglioramento meccanismi decisionali/governance; e molte riconosciute invece solo da un numero limitato di intervistati. In sintesi, il grado di allineamento tra i diversi intervistati a livello di Strategie apparso ancora meno elevato rispetto a quelli riscontrati a livello di Struttura, Missione (e Visione), Temi e Obiettivi e questo, in linea con i risultati gi emersi, soprattutto con riferimento alle Strategie riconducibili al Tema strategico Governance.

    Figura 10. Esempio di rappresentazione di Obiettivi-Strategie (e sotto Strategie)4

    3. In particolare, sono state riconosciute 92 strategie (30 di innovazione e 62 di razionalizzazione) nel Tema strategico Ricerca-Didattica-Territorio, 51 (10 di innovazione e 41 di razionalizzazione) in quello Amministrazione e 21 in quello Governance (12 di innovazione e 9 di razionalizzazione).

    4. Le 144 Strategie sono comunque derivate da un processo di raggruppamento di sotto Strategie inerenti il medesimo tema ma almeno in parte differenti per contenuto (es.: la Strategia Valutazione di ricerca e didattica recupera al suo interno molte sotto Strategie.

    Carraro Intervistato XX

    Cultura della Valutazione

    Intervento di riorganizzazione

    interna

    Rafforzamento su didattica di 3 livello (master) [AS]

    Gestione dei corsi di laurea attenta a numeri e budget [AS]

    Valutazione di ricerca e didattica (Nucleo per la valutazione) [SG]

    Valutazione di Ricerca e Didattica

    Agenzia per la valutazione [RCC, US] Commissione per la valutazione [AB] Ufficio per la valutazione [TC] Ufficio per la valutazione composto prevalentemente da esterni [AS]

    Nucleo per la valutazione [DR] Autovalutazione per la programmazione interna [PC]

    attivati con aziende a titolo istituzionale [US]Valutazione dellottenimento di finanziamenti e contattiValutazione dellottenimento di finanziamenti [AB]Valutazione delle pubblicazioni su riviste internazionali [AB]

    Non abbassamento del numero attuale

    di studenti

  • 14 15

    Il non elevato grado di allineamento tra i 12 intervistati riscontrato a tutti i livelli, a eccezione che nel caso degli Obiettivi Interni ed Esterni, per sembrato migliorare durante la discussione tradendo come spesso le differenze emerse dalla comparazione delle Mappe strategiche fossero di carattere pi formale che sostanziale. Inoltre, molti intervistati hanno riconosciuto limportanza di alcuni concetti non emersi dalle loro interviste. Si quindi deciso di redigere e somministrare ai 12 intervistati un questionario per raccogliere i loro giudizi dimportanza su tutti i concetti emersi nelle Mappe strategiche a livello di Missione, Struttura e Strategie. Lobiettivo era permettere a ogni intervistato di manifestare il proprio grado di accordo o disaccordo anche sui concetti identificati come importanti dagli altri soggetti intervistati e da lui inizialmente non riconosciuti. Con riferimento alla Missione (e Visione) che Ca Foscari dovrebbe porsi, stato chiesto ai 12 intervistati di giudicare limportanza di tutti e 10 i concetti emersi dalle interviste attribuendo loro un punteggio da 1 a 5. Si inizialmente stabilito di considerare nella definizione della Missione (e Visione) di Ca Foscari solo i concetti che avessero riportato un punteggio medio superiore alla media degli stessi che risultata pari a 3,82. Ci ha portato a selezionare i concetti di Ricerca, Internazionalizzazione, Specializzazione e Didattica. In seguito per alla presentazione e discussione dei risultati raggiunti in Senato Accademico il 13 maggio 2010, lassemblea ha deciso di recuperare pure il concetto di Territorio. Questo anche alla luce della sua bassa varianza e quindi dellelevata condivisione sulla sua importanza da parte dei 12 intervistati [Figura 11].

    Figura 11. Importanza e condivisione dei possibili concetti per definire la Missione (e Visione)

    Partendo quindi dai concetti pi importanti (e condivisi), senza peraltro perdere del tutto i restanti, si articolata una prima proposta di Missione (e Visione) condivisa per Ca Foscari [Figura 12].

    Figura 12. La Missione (e Visione) condivisa di Ca Foscari alla fine della Fase 2

    Con riferimento alla Struttura Interna ed Esterna, stato chiesto ai 12 intervistati di giudicare se fossero In disaccordo, N in accordo n in disaccordo o In accordo relativamente allidea che i 22 concetti inizialmente emersi dalle interviste, ma anche gli ulteriori 67 emersi dalla discussione del 13 aprile 2010 fossero, rispettivamente, punti di forza/debolezza rilevanti ovvero minacce/opportunit rilevanti. I giudizi qualitativi raccolti sono stati quindi trasformati in quantitativi attribuendo i valori 1; 0; +1 alle risposte, rispettivamente, In disaccordo; N in accordo n in disaccordo; In accordo. Si quindi proceduto a sommare i punteggi cos attribuiti cosicch il grado di allineamento circa limportanza di un concetto potesse variare da 12 (tutti i 12 gli intervistati sono In disaccordo) a +12 (tutti i 12 gli intervistati sono In accordo). Si inizialmente stabilito di considerare nellidentificazione degli elementi della Struttura Interna ed Esterna condivisi solo i concetti che avessero riportato un punteggio medio superiore alla media degli stessi che risultata pari a 7,18. Su 7 concetti si raggiunto il massimo accordo, su 2 il quasi massimo disaccordo, 50 concetti non hanno ottenuto un punteggio medio superiore alla media complessiva, mentre 39 lo hanno ottenuto e sono stati quindi selezionati [Figura 13]. Questi rappresentano complessivamente il 43,8% di tutti i concetti sottoposti a giudizio a testimonianza di un buon grado di allineamento raggiunto. Suddividendo per tali concetti in base ai Temi strategici di appartenenza risulta come il grado di allineamento a livello di Struttura Interna ed Esterna sia decisamente buono nel caso del Tema Ricerca- Didattica-Territorio (50%), accettabile nel caso del Tema Amministrazione (40,7%), mentre assolutamente basso nel caso del Tema Governance (20%) a ulteriore conferma di come soprattutto su questultimo la condivisione tra i 12 intervistati fosse difficile da raggiungere.

    Figura 13. Importanza e condivisione dei possibili concetti per definire la Struttura Interna ed Esterna

    Concetti considerati

    Concetti non considerati

    5 4,5 4 3,5 3 2,5 0

    Ricerca

    Internazionalizzazione

    Specializzazione

    Didattica

    Razionalizzazione

    Territorio

    Innovazione

    Interdisciplinariet

    Integrazione (federazione)

    Tradizione

    4,83 (Var 0,14)

    4,42 (Var 0,58)

    4,33 (Var 0,56)

    4,00 (Var 0,33)

    3,67 (Var 1,56)

    3,58 (Var 0,58)

    3,58 (Var 1,41)

    3,42 (Var 2,24)

    3,42 (Var 1,41)

    2,92 (Var 1,91)

    10 4 1 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

    Concetti selezionati

    Internazionalizzazione

    Specializzazione

    Ricerca

    Didattica

    Territorio

    Ca Foscari Universit orientata a una ricerca di standard internazionale, specializzata sui riconosciuti ambiti di

    eccellenza per trasferire, in primis attraverso la didattica, conoscenza funzionale allo sviluppo del territorio

  • 16 17

    Con riferimento alle Strategie, stato chiesto ai 12 intervistati di giudicare se fossero In totale disaccordo, In disaccordo, N in accordo n in disaccordo, In accordo In totale accordo relativamente allidea che le 144 Strategie inizialmente emerse dalle interviste, ridotte per a 101 dopo la discussione del 13 aprile 2010 fossero effettivamente rilevanti. I giudizi qualitativi raccolti sono stati quindi trasformati in quantitativi attribuendo i valori 1; 0,5; 0; +0,5; +1 alle risposte, rispettivamente, In totale disaccordo, In disaccordo, N in accordo n in disaccordo, In accordo In totale accordo. Si quindi proceduto a sommare i punteggi cos attribuiti cosicch il grado di allineamento circa limportanza di un concetto potesse variare da 12 (tutti i 12 gli intervistati sono In totale disaccordo) a +12 (tutti i 12 gli intervistati sono In totale accordo). Si inizialmente stabilito di considerare nellidentificazione degli elementi della Struttura Interna ed Esterna condivisi solo le Strategie che avessero riportato un punteggio medio superiore alla media delle stesse che risultata pari a 7,18. Su una sola Strategia si raggiunto il quasi massimo accordo, (11 punti), 46 Strategie non hanno ottenuto un punteggio medio complessivo superiore alla media complessiva, mentre 55 lo hanno ottenuto e sono state quindi selezionate [Figura 14]. Questi rappresentano complessivamente il 48,5% di tutte le Strategie sottoposte a giudizio a testimonianza di un buon grado di allineamento raggiunto. Suddividendo per tali Strategie sempre in base ai Temi strategici di appartenenza risulta ancora una volta come il grado di allineamento sia decisamente buono nel caso del Tema Ricerca- Didattica-Territorio (51,4%), addirittura migliore nel caso del Tema Amministrazione (52,2%), mentre nuovamente basso nel caso del Tema Governance (33,3%).

    Figura 14.Importanza e condivisione delle possibili Strategie

    A differenza che nel caso della Missione (e Visione), il Senato Accademico del 13 maggio 2010 non ha modificato gli elementi inizialmente selezionati come importanti e condivisi a livello di Struttura Interna ed Esterna, e Strategia5. Il basso grado di allineamento a livello del Tema strategico Governance ha per indotto lassemblea ad approfondirlo allinterno di unapposita commissione gi nominata ai sensi della legge 240 e non quindi stato pi oggetto di analisi allinterno del processo di formulazione del Piano strategico6.I risultati emersi dal Senato Accademico del 13 maggio 2010, sono stati quindi presentati e discussi in Consiglio dei Direttori di Dipartimento (25 maggio 2010) e in Advisory Board (03 giugno 2010)7. Sono stati poi presentati e discussi nei Consigli di Facolt di Lingue e Letterature Straniere (16 giugno 2010), Economia (23 giugno 2010), Lettere e Filosofia (7 luglio 2010) e Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali (14 luglio 2010)8. Sono stati infine presentati e discussi in un incontro con il Personale Tecnico-Amministrativo (19 luglio 2010). Alla fine di tali presentazioni sono state elaborare due sotto Mappe strategiche condivise relative ai Temi strategici RicercaDidatticaTerritorio [Figura 15] e Amministrazione [Figura 16].

    5. Lunica modifica emersa stata la sostituzione, a livello di Strategie, del concetto di Focalizzazione su Lingue orientali con quello pi ampio di Focalizzazione su Studi orientali.

    6. Tale commissione ha prodotto una proposta per il nuovo Statuto che stata approvata in Senato Accademico il 25 marzo 2011.

    7. Le uniche modifiche emerse da tali incontri sono state, rispettivamente, riconoscere tra i punti di forza anche la Reputazione a livello nazionale dellarea Umanistica e la sostituzione, a livello di Strategie, del concetto di Focalizzazione su Beni culturali con quello pi ampio di Focalizzazione su Produzioni culturali.

    8. A fronte di tali presentazioni sono arrivati solo due documenti e una e-mail contenenti proposte di modifica al Piano strategico. Un documento stato prodotto dai Collegi didattici del corso di laurea triennale in Lingue e Civilt Moderne e Contemporanee e del corso di laurea magistrale in Lingue e Letterature Europee Americane e Postcoloniali, laltro dai Collegi didattici dei corsi di laurea magistrale in Lingue e Scienze del Linguaggio e in Scienze del linguaggio. La e-mail arrivata da un docente di SMFN.

    4,5 2 1,5 1 0 0,5 1 2,5 3 3,5 4 4,5 5 5,5 6 6,5 7 7,5 8 8,5 9 9,5 10 10,5 11

    Strategie selezionate

  • 18 19

    RIC

    ER

    CA

    D

    IDA

    TT

    ICA

    T

    ER

    RIT

    OR

    IO

    Mis

    sion

    e

    Obiettivi

    Obiettivi

    Struttura interna

    Struttura esterna

    Pros

    pett

    iva

    inte

    rna

    Stra

    tegi

    e Pr

    ospe

    ttiv

    a es

    tern

    a

    . .

    . G

    loba

    le

    Aff

    erm

    azio

    ne d

    i un

    eco

    nom

    ia

    DIM

    EN

    SIO

    NE

    RID

    OT

    TA

    Stud

    i lin

    guis

    tici

    TR

    AD

    IZIO

    NE

    IN

    Com

    pete

    nze

    (da

    valo

    rizz

    are)

    in

    Con

    serv

    azio

    ne e

    Pro

    duzi

    oni

    cultu

    rali R

    ICE

    RC

    A &

    DID

    AT

    TIC

    A

    Off

    erta

    form

    ativ

    a di

    qua

    lit

    AR

    EA

    UM

    AN

    IST

    ICA

    Lim

    itat

    a en

    fasi

    su

    lla r

    icer

    ca

    inte

    rnaz

    iona

    le

    Car

    enza

    di u

    na v

    isio

    ne

    stra

    tegi

    ca

    inte

    rdis

    cipl

    inar

    e

    AR

    EA

    SC

    IEN

    TIF

    ICA

    Com

    pete

    nze

    (da

    valo

    rizz

    are)

    in

    Tecn

    iche

    del

    res

    taur

    o, S

    cien

    ze

    ambi

    enta

    li e

    Tecn

    olog

    ie p

    er

    lam

    bien

    te

    AR

    EA

    LIN

    GU

    SIT

    ICA

    Rep

    utaz

    ione

    a li

    vello

    naz

    iona

    le

    Am

    pia

    vari

    et

    di li

    ngue

    off

    erte

    e

    foca

    lizza

    zion

    e su

    ling

    ue

    orie

    ntal

    i

    AR

    EA

    EC

    ON

    OM

    ICA

    Com

    pete

    nze

    (da

    valo

    rizz

    are)

    in

    Man

    agem

    ent

    Rep

    utaz

    ione

    a li

    vello

    naz

    iona

    le

    Ada

    ttab

    ilit

    , fle

    ssib

    ilit

    e

    rapi

    dit

    di r

    ispo

    sta

    Stud

    i eco

    nom

    ici

    Pres

    enza

    di a

    ltri i

    stitu

    ti un

    iver

    sita

    ri e

    ent

    i cul

    tura

    li

    LOC

    ALI

    ZZA

    ZIO

    NE

    Pres

    enza

    di u

    n im

    port

    ante

    pa

    trim

    onio

    cul

    tura

    le e

    am

    bien

    tale

    Vis

    ibili

    t in

    tern

    azio

    nale

    di

    Ven

    ezia

    Fabb

    isog

    no d

    el te

    rrito

    rio

    di

    info

    rmaz

    ione

    , for

    maz

    ione

    e

    cons

    ulen

    za E

    stes

    a re

    te d

    i Alu

    mni

    Ince

    ntiv

    azio

    ne d

    ella

    coo

    pera

    zion

    e tr

    a A

    tene

    i da

    part

    e de

    l MIU

    R

    STA

    KE

    HO

    LDE

    RS

    Dif

    ficol

    t d

    ellU

    nive

    rsit

    (in

    gene

    rale

    ) a d

    ialo

    gare

    con

    ent

    i pri

    vati

    e pu

    bblic

    i e c

    on il

    mon

    do e

    ster

    no

    Rep

    utaz

    ione

    a li

    vello

    naz

    iona

    le

    Rio

    rgan

    izza

    re s

    trat

    egic

    amen

    te le

    at

    tivit

    di r

    icer

    ca e

    did

    attic

    a

    Spec

    ializ

    zazi

    one

    sulla

    di

    datt

    ica

    di 2

    e

    3

    livel

    lo

    Raz

    iona

    lizza

    zion

    e de

    lla

    dida

    ttic

    a di

    1

    livel

    lo

    Svilu

    ppo

    di

    inte

    rdis

    cipl

    inar

    iet

    e

    sin

    ergi

    e

    Rev

    isio

    ne d

    ell'o

    ffer

    ta

    form

    ativ

    a pe

    r ri

    spon

    dere

    alla

    do

    man

    da (a

    nche

    di

    nuov

    e fig

    ure

    prof

    essi

    onal

    i)

    Pro

    duzi

    oni c

    ultu

    rali

    Rel

    azio

    ni in

    tern

    azio

    nali

    Stu

    di o

    rien

    tali

    Man

    agem

    ent

    Am

    bien

    te e

    sos

    teni

    bilit

    Foca

    lizza

    zion

    e su

    :

    Iden

    tific

    azio

    ne d

    ei fa

    bbis

    ogni

    de

    l ter

    rito

    rio

    coin

    volg

    endo

    gli

    atto

    ri n

    ella

    def

    iniz

    ione

    del

    le

    mod

    alit

    di s

    oddi

    sfac

    imen

    to

    Favo

    rim

    ento

    di F

    onda

    zion

    e C

    a'

    Fosc

    ari q

    uale

    org

    anis

    mo

    prep

    osto

    al f

    und

    rais

    ing

    e al

    lo

    svilu

    ppo

    di in

    izia

    tive

    inno

    vativ

    e

    Favo

    rim

    ento

    del

    ling

    ress

    o di

    do

    cent

    i a n

    ome

    di C

    a F

    osca

    ri

    nei C

    DA

    e C

    onsi

    gli d

    i ent

    i pr

    ivat

    i e p

    ubbl

    ici (

    port

    ator

    i di

    sape

    ri)

    Prom

    ozio

    ne d

    i un

    Po

    lo U

    nive

    rsit

    ario

    Ven

    ezia

    no

    Prom

    ozio

    ne d

    i un

    Po

    lo U

    nive

    rsit

    ario

    Ven

    eto

    Prom

    ozio

    ne d

    i pro

    gett

    i sp

    erim

    enta

    li di

    coo

    pera

    zion

    e pe

    r la

    con

    divi

    sion

    e di

    CdL

    , do

    ttor

    ati e

    mas

    ter

    Part

    ecip

    azio

    ne a

    pro

    gett

    i di

    rice

    rca

    nazi

    onal

    i e in

    tern

    azio

    nali

    Ca

    Fos

    cari

    com

    e U

    nive

    rsit

    ori

    enta

    ta v

    erso

    una

    Ric

    erca

    di s

    tand

    ard

    inte

    rnaz

    iona

    le, s

    peci

    aliz

    zata

    sui

    pro

    pri,

    rico

    nosc

    iuti,

    am

    biti

    di e

    ccel

    lenz

    a, p

    er

    tras

    feri

    re, i

    n pr

    imis

    att

    rave

    rso

    la D

    idat

    tica,

    con

    osce

    nza

    funz

    iona

    le a

    llo s

    vilu

    ppo

    del T

    erri

    tori

    o

    Mig

    liora

    re la

    vis

    ibili

    t d

    i Ca'

    Fos

    cari

    a

    livel

    lo lo

    cale

    , naz

    iona

    le e

    inte

    rnaz

    iona

    le

    Inte

    grar

    si

    con

    altr

    i ate

    nei

    Inte

    grar

    si

    con

    il te

    rrito

    rio

    Figu

    ra 1

    5 - M

    appa

    RD

    T

    Figura 15. La Mappa Strategica condivisa per il Tema strategico RicercaDidatticaTerritorio alla fine della Fase 2

    AM

    MIN

    IST

    RA

    ZIO

    NE

    Mis

    sion

    e

    Obiettivi

    Obiettivi

    Struttura interna

    Struttura esterna

    Pros

    pett

    iva

    inte

    rna

    Stra

    tegi

    e Pr

    ospe

    ttiv

    a es

    tern

    a

    Figu

    ra 1

    6 - M

    appa

    AM

    M

    Rig

    idit

    deg

    li st

    rum

    enti

    di g

    estio

    ne

    (mob

    ilit

    inte

    rna/

    carr

    iere

    /tur

    nove

    r)

    PTA

    Cul

    tura

    ori

    enta

    ta m

    aggi

    orm

    ente

    al

    lade

    mpi

    men

    to c

    he a

    llin

    nova

    zion

    e

    Buo

    n se

    nso

    di

    appa

    rten

    enza

    Com

    pete

    nze

    spec

    ialis

    tiche

    insu

    ffic

    ient

    i ri

    spet

    to a

    lle c

    resc

    enti

    esig

    enze

    Buo

    na q

    ualit

    Indi

    vidu

    alis

    mo

    Rig

    idit

    deg

    li st

    rum

    enti

    di g

    estio

    ne

    (car

    rier

    e/tu

    rnov

    er/r

    eclu

    tam

    ento

    )

    PER

    SON

    ALE

    DO

    CE

    NT

    E

    Rig

    idit

    del

    la s

    trut

    tura

    div

    isio

    nale

    e

    scar

    so c

    oord

    inam

    ento

    e

    com

    unic

    azio

    ne tr

    a uf

    fici

    ASS

    ET

    TO

    OR

    GA

    NIZ

    ZAT

    IVO

    Prob

    lem

    a de

    lla r

    esid

    enzi

    alit

    in

    Ven

    ezia

    dov

    uta

    al c

    osto

    ele

    vato

    de

    lla v

    ita

    e al

    la s

    cars

    it d

    i allo

    ggi

    per

    stud

    enti

    e do

    cent

    i

    Dif

    ficol

    t d

    el m

    ondo

    est

    erno

    a

    perc

    epir

    e ru

    olo

    e fu

    nzio

    ni

    dell

    Uni

    vers

    it (i

    n ge

    nera

    le)

    PER

    CE

    ZIO

    NE

    EST

    ER

    NA

    Dif

    ficol

    t d

    egli

    stud

    enti

    a

    perc

    epir

    e la

    qua

    lit

    della

    did

    attic

    a e

    dei s

    ervi

    zi

    (in g

    ener

    ale)

    Riq

    ualif

    icaz

    ione

    del

    le

    com

    pete

    nze

    del P

    TA

    att

    rave

    rso

    attiv

    it d

    i for

    maz

    ione

    Res

    pons

    abili

    zzaz

    ione

    del

    PTA

    e

    mis

    uraz

    ione

    del

    la p

    rodu

    ttiv

    it

    Ince

    ntiv

    azio

    ne d

    el P

    TA in

    bas

    e ai

    ris

    ulta

    ti (m

    onet

    aria

    men

    te e

    con

    prog

    ress

    ioni

    di c

    arri

    era)

    Def

    iniz

    ione

    per

    il P

    TA

    di u

    n pi

    ano

    di tu

    rnov

    er

    Intr

    oduz

    ione

    del

    Bila

    ncio

    uni

    co d

    i Ate

    neo

    Ince

    ntiv

    azio

    ne d

    ello

    tten

    imen

    to

    di c

    onta

    tti e

    fina

    nzia

    men

    ti co

    n en

    ti pr

    ivat

    i e p

    ubbl

    ici a

    tito

    lo

    istit

    uzio

    nale

    Ince

    ntiv

    azio

    ne d

    ei D

    ocen

    ti co

    n ri

    sors

    e pe

    r la

    ric

    erca

    in

    funz

    ione

    del

    mer

    ito

    Pote

    nzia

    men

    to d

    elle

    ris

    orse

    de

    dica

    te a

    llat

    tivit

    di

    valu

    tazi

    one

    di R

    icer

    ca e

    D

    idat

    tica

    Com

    plet

    amen

    to d

    egli

    inte

    rven

    tipr

    evis

    ti da

    l Pia

    no e

    diliz

    io

    Cre

    azio

    ne d

    i un

    uffic

    ioce

    ntra

    le d

    i coo

    rdin

    amen

    tode

    lla d

    idat

    tica

    Pote

    nzia

    men

    to d

    el d

    iritt

    o

    allo

    stu

    dio

    (bor

    se d

    i stu

    dio,

    aul

    e,bi

    blio

    tech

    e, ..

    .)

    Rio

    rgan

    izza

    rsi i

    nter

    nam

    ente

    Def

    iniz

    ione

    in m

    odo

    chia

    rode

    i com

    piti

    di u

    ffic

    i cen

    tral

    ie

    peri

    feri

    ci

    Favo

    rim

    ento

    del

    rac

    cord

    otr

    a ch

    i fa

    stra

    tegi

    a (r

    esp.

    did

    attic

    a e

    rice

    rca)

    e c

    hi a

    mm

    inis

    tra

    Col

    lega

    men

    to d

    elle

    att

    ivit

    ai p

    roce

    ssi e

    non

    alle

    funz

    ioni

    Ges

    tire

    il Pe

    rson

    ale

    doce

    nte

    (e R

    icer

    cato

    ri/D

    otto

    rand

    i)

    Ges

    tire

    il PT

    A

    Pote

    nzia

    men

    to d

    ella

    re

    side

    nzia

    lit

    univ

    ersi

    tari

    a

    Pe

    rcor

    si fo

    rmat

    ivi d

    i ecc

    elle

    nza

    a nu

    mer

    o ch

    iuso

    ;

    Una

    Scu

    ola

    di D

    otto

    rato

    ;

    Test

    dec

    entr

    ati e

    sca

    mbi

    inte

    r-ate

    neo.

    Att

    razi

    one

    di s

    tude

    nti

    ecce

    llent

    i, vi

    sitin

    g st

    uden

    t e

    visit

    ing

    prof

    esso

    r su

    scal

    a na

    zion

    ale

    e in

    tern

    azio

    nale

    , is

    titue

    ndo:

    Ori

    enta

    men

    to d

    ella

    co

    mun

    icaz

    ione

    a s

    cuol

    e se

    cond

    arie

    , stu

    dent

    i, fa

    mig

    lie,

    impr

    ese

    e is

    tituz

    ioni

    Cre

    azio

    ne d

    i bor

    se d

    i stu

    dio

    per

    i Dot

    tora

    ndi c

    on fo

    cus

    appl

    icat

    ivi d

    iver

    si (l

    ocal

    e/in

    tern

    azio

    nale

    )

    Rec

    luta

    men

    to D

    ocen

    tie

    Ric

    erca

    tori

    ecc

    elle

    nti s

    u sc

    ala

    inte

    rnaz

    iona

    le

    Def

    iniz

    ione

    per

    i D

    ocen

    ti di

    un

    pian

    o di

    turn

    over

    Mig

    liora

    re i

    serv

    izi

    agli

    stud

    enti

    e li

    mm

    agin

    e

    di C

    a F

    osca

    ri

    Ca

    Fos

    cari

    com

    e U

    nive

    rsit

    ori

    enta

    ta v

    erso

    una

    Ric

    erca

    di s

    tand

    ard

    inte

    rnaz

    iona

    le, s

    peci

    aliz

    zata

    sui

    pro

    pri,

    rico

    nosc

    iuti,

    am

    biti

    di e

    ccel

    lenz

    a,pe

    r tr

    asfe

    rire

    , in

    prim

    is a

    ttra

    vers

    o la

    Did

    attic

    a, c

    onos

    cenz

    a fu

    nzio

    nale

    allo

    svi

    lupp

    o de

    l Ter

    rito

    rio

    Figura 16. La Mappa Strategica condivisa per il Tema strategico Amministrazione alla fine della Fase 2

  • 20 21

    Lanalisi dellambiente interno ed esterno

    Fase 3

    Il processo di formulazione del Piano strategico quindi proseguito con lanalisi dellambiente interno ed esterno al fine di raccogliere dati oggettivi utili a confermare o smentire le percezioni soggettive degli intervistati, ma anche di tutti i componenti delle diverse assemblee nelle quali sono state presentate le due Mappe strategiche condivise, relativamente a quali siano i punti di forza o debolezza di Ca Foscari e le minacce e opportunit del contesto in cui si trova a operare. Tali analisi sono anche funzionali a far emergere degli eventuali punti di forza o debolezza, piuttosto che minacce e opportunit non precedentemente riconosciuti. La modifica di una premessa a livello di Struttura Interna o Esterna pu mettere in discussione sia la formulazione della Missione e Visione, sia degli Obiettivi Interni ed Esterni e quindi delle connesse Strategie. Assieme allUfficio Pianificazione e Valutazione di Ca Foscari si sono identificate le basi di dati da analizzare (Allegato A) e selezionate le informazioni pi rilevanti e pertinenti per verificare gli specifici elementi della Struttura Interna ed Esterna ovvero per introdurre nuovi elementi rilevanti precedentemente non riconosciuti. Per rendere pi significativo questo processo di verifica si sono prodotte, quando stato possibile, delle comparazioni di tipo sia temporale che spaziale rispetto ai competitor pi significativi (Allegato B).Di seguito si approfondiscono tutti gli elementi a livello di Struttura prima Interna e poi Esterna costituenti la Mappa strategica condivisa per il Tema prima RicercaDidatticaTerritorio e quindi Amministrazione, si precisano le informazioni utilizzate per verificare tali elementi e infine i risultati a cui si giunti. Si precisano altres le informazioni utilizzate per introdurre nuovi elementi non precedentemente riconosciuti.

  • 22 23

    Nella Mappa strategica condivisa relativa al Tema RicercaDidatticaTerritorio sono stati riconosciuti gli elementi a livello di Struttura Interna riportati in Figura 17. Di seguito si approfondiscono tali elementi, si precisano le informazioni utilizzate per verificarne la fondatezza e i risultati a cui si giunti.

    Dallanalisi della Struttura Interna riportata in Figura 17, emerge che:La tradizione storica 1. in studi economici costituisce un punto di forza rilevante;2. in studi linguistici costituisce un punto di forza rilevante;La tradizione storica di Ca Foscari uno dei punti di forza da tutti riconosciuti che si deve tentare di sfruttare per distinguersi dai competitor anche a livello internazionale. Questa tradizione risale infatti al 1868, con la fondazione della Scuola superiore di Commercio in Venezia che, dimostrando una spiccata vocazione internazionale, prevedeva non solo lo studio delle discipline economiche, ma anche lo studio delle lingue moderne che trattano i negozi del mondo moderno.

    Figura 17.La Struttura Interna della Mappa Strategica RicercaDidatticaTerritorio alla fine della Fase 2

    La verifica della Struttura Interna nel tema strategico Ricerca-Didattica-Territorio

    RICERCA DIDATTICA TERRITORIO

    Missione

    Obi

    ettiv

    i

    Obi

    ettiv

    i

    Stru

    ttur

    a in

    tern

    a

    Stru

    ttur

    a es

    tern

    a

    Prospettiva interna Strategie Prospettiva esterna

    . . . Globale

    Affermazione di uneconomia

    DIMENSIONE RIDOTTA

    Studi linguistici

    TRADIZIONE IN

    Competenze (da valorizzare) in Conservazione e Produzioni

    culturali

    RICERCA & DIDATTICA

    Offerta formativa di qualit

    AREA UMANISTICA

    Limitata enfasi sulla ricerca

    internazionale

    Carenza di una visione strategica

    interdisciplinare

    AREA SCIENTIFICA

    Competenze (da valorizzare) in Tecniche del restauro, Scienze ambientali e Tecnologie per

    lambiente

    AREA LINGUSITICA

    Reputazione a livello nazionale

    Ampia variet di lingue offerte e focalizzazione su lingue

    orientali

    AREA ECONOMICA

    Competenze (da valorizzare) in Management

    Reputazione a livello nazionale

    Adattabilit, flessibilit e rapidit di risposta

    Studi economici

    Presenza di altri istituti universitari e enti culturali

    LOCALIZZAZIONE

    Presenza di un importante patrimonio culturale e

    ambientale

    Visibilit internazionale di Venezia

    Fabbisogno del territorio di informazione, formazione e

    consulenza

    Estesa rete di Alumni

    Incentivazione della cooperazione tra Atenei da parte del MIUR

    STAKEHOLDERS

    Difficolt dellUniversit (in generale) a dialogare con enti privati e pubblici e con il mondo esterno Reputazione a livello nazionale

    Riorganizzare strategicamente le attivit di ricerca e didattica

    Specializzazione sulla didattica di 2 e 3

    livello

    Razionalizzazione della didattica di 1 livello

    Sviluppo di interdisciplinariet

    e sinergie

    Revisione dell'offerta formativa per

    rispondere alla domanda (anche di

    nuove figure professionali)

    Produzioni culturali Relazioni internazionali Studi orientali Management Ambiente e sostenibilit

    Focalizzazione su:

    Identificazione dei fabbisogni del territorio coinvolgendo gli attori nella definizione delle modalit di soddisfacimento

    Favorimento di Fondazione Ca' Foscari quale organismo

    preposto al fund raising e allo sviluppo di iniziative innovative

    Favorimento dellingresso di docenti a nome di Ca Foscari

    nei CDA e Consigli di enti privati e pubblici (portatori di

    saperi)

    Promozione di un Polo Universitario Veneziano

    Promozione di un Polo Universitario Veneto

    Promozione di progetti sperimentali di cooperazione per la condivisione di CdL,

    dottorati e master

    Partecipazione a progetti di ricerca nazionali e internazionali

    Ca Foscari come Universit orientata verso una Ricerca di standard internazionale, specializzata sui propri, riconosciuti, ambiti di eccellenza, per trasferire, in primis attraverso la Didattica, conoscenza funzionale allo sviluppo del Territorio

    Migliorare la visibilit di Ca' Foscari a livello locale, nazionale e internazionale

    Integrarsi con altri atenei Integrarsi

    con il territorio

    Figura 15 - Mappa RDT

    RICERCA & DIDATTICA

    Offerta formativa di qualit

    Limitata enfasi sulla ricerca

    internazionale

    Carenza di una visione strategica

    interdisciplinare

    AREA SCIENTIFICA

    Competenze (da valorizzare) in Tecniche del restauro,

    Scienze ambientali e Tecnologie per lambiente

    AREA LINGUSITICA

    Reputazione a livello nazionale

    Ampia variet di lingue offerte e focalizzazione

    su lingue orientali

    AREA ECONOMICA

    Competenze (da valorizzare) in Management

    Reputazione a livello nazionale

    DIMENSIONE RIDOTTA

    Studi linguistici

    TRADIZIONE IN

    Adattabilit, flessibilit e rapidit di risposta

    Studi economici

    Competenze (da valorizzare) in Conservazione

    e Produzioni culturali

    AREA UMANISTICA Reputazione a livello nazionale

    Per verificare la fondatezza della 1 e 2 premessa si sono analizzate: - levoluzione storica dellUniversit Ca Foscari Venezia;- lenfasi data alla tradizione storica da parte delle migliori Universit e i vantaggi collegati riconosciuti in letteratura. Il 6 agosto 1868, con Regio Decreto, viene istituita la Scuola Superiore di Commercio, prima istituzione in Italia e seconda in Europa a occuparsi dellistruzione superiore nel campo del commercio e delleconomia, ispirandosi allordinamento della Scuola Superiore di Commercio di Anversa. Al di fuori dellEuropa, le scuole commerciali furono istituite successivamente (es.: Harvard Business School stata fondata nel 1908). Si attivano nello stesso anno gli insegnamenti di francese, inglese, tedesco, e neogreco. Altri insegnamenti impartiti a partire dal 1869 sono larabo, il turco e il serbo croato e, a partire dal 1873, il giapponese. Nel 1954 il corso di Laurea in Lingue si stacca dalla Facolt di Economia e Commercio, assumendo lo status di Facolt. A partire dal 1964 viene istituito il Corso di Laurea in Lingue e Letterature Orientali che include gli insegnamenti di arabo, cinese, giapponese, ebraico, hindi, turco, iranico. Solo 5 anni dopo, nel 1969, nasce altres il Corso di Laurea in Lettere e Filosofia, nucleo dellomonima Facolt, completando lofferta in Studi umanistici. Nel 1982 sorge poi il Dipartimento di Scienze Ambientali e quindi quelli di Chimica e Chimica Fisica, e infine il Dipartimento di Informatica. Appare quindi evidente, considerando levoluzione storica di Ca Foscari, lesistenza di una lunga tradizione in Studi economici e linguistici, ma appare altres evidente come una relativamente lunga tradizione esista anche con riguardo agli Studi umanistici e ambientali.Il sito topuniversities.com realizza annualmente una classifica delle migliori universit su scala mondiale, considerando congiuntamente il numero di articoli scientifici pubblicati e le relative citazioni, i giudizi degli studenti, la presenza di docenti e studenti su scala internazionale. Le prime tre Universit classificate nel 2010 sono state lUniversit di Cambridge, lUniversit di Harvard e lUniversit di Yale che enfatizzano ampiamente la tradizione storica nella loro comunicazione. Dallanalisi dei tre siti web di queste Universit emerge infatti come alla tradizione sia dedicato ampio spazio, con specifiche sezioni di approfondimento dei periodi storici con linserimento di unampia bibliografia dedicata al tema. Limportanza della tradizione storica come fonte di vantaggio competitivo per unistituzione Universitaria riconosciuta tra gli altri da Martinez e Wolverton (2009). Sulla base di queste analisi, la premessa a livello di Struttura Interna La tradizione storica in studi economici e in studi linguistici costituisce un punto di forza rilevante risulta confermata. Tali analisi hanno inoltre indotto di inserire, in quanto non riconosciute alla fine della Fase 2, le seguenti premesse:La tradizione storica I. in Studi umanistici costituisce un punto di forza rilevante; II. in Studi ambientali costituisce un punto di forza rilevante.

    Dallanalisi della Struttura Interna riportata in Figura 17, emerge che:La dimensione ridotta, 3. garantendo adattabilit, flessibilit e rapidit di risposta, costituisce un punto di forza rilevante;Anche la dimensione ridotta fa parte dei punti di forza da tutti riconosciuti che si deve sfruttare per creare vantaggio competitivo. In particolare, essa risulta strategicamente rilevante dal momento che rende possibile una pi elevata adattabilit a un contesto economico, culturale e sociale in continua evoluzione. La dimensione ridotta aumenta perci il livello di flessibilit e rapidit di risposta alle esigenze informative, formative e di consulenza del territorio.Per verificare la fondatezza della 3 premessa si sono analizzati:- il numero di facolt e dipartimenti, di studenti iscritti, di corsi di studio attivi e attivati, di unit di personale docente e di unit di PTA impiegate;- i vantaggi collegati alla dimensione ridotta nelle organizzazioni riconosciuti in letteratura. Ca Foscari una delle universit di media dimensione con il minor numero di Facolt nonostante il numero relativamente elevato di studenti. Questo pu facilitare il coordinamento ma nel contempo attribuisce a ogni Facolt un potere di veto importante. Ca Foscari ha invece un numero di dipartimenti elevato (almeno al momento delle analisi:

  • 24 25

    il numero stato in seguito ridotto) coerentemente col numero relativamente elevato di studenti. Questo tradisce una forse eccessiva frammentazione di saperi allinterno delle Facolt, rendendo quindi difficile il coordinamento [Tabella su richiesta].Per quanto riguarda il numero di iscritti (17.330 nella.a. 08/09), Ca Foscari risulta posizionata non tra gli Atenei di piccola dimensione, ma tra quelli di media dimensione con il numero di studenti tra i pi elevati. Nel triennio 06/09 il numero di studenti di I livello stabile mentre quello di II livello in aumento con un ammontare, anche in termini percentuali, superiore rispetto ai competitor [Tabella 1 e Tabella 2]. Lultimo risultato testimonia una maggiore focalizzazione di Ca Foscari sulla didattica di II livello. Questo risultato confermato anche a livello di corsi di studio attivati a Ca Foscari che risulta comunque allineato ai competitor seppure in diminuzione [Tabella su richiesta].

    Tabella 1Numero di studenti iscritti agli Atenei Statali di media dimensione

    Atenei Statali di media dimensione Iscritti

    Siena - Universit degli studi 19.004

    Trieste - Universit degli studi 18.979

    Modena e Reggio Emilia - Universit degli studi 17.765

    Venezia - Universit degli studi Ca' Foscari" 17.330

    Ferrara - Universit degli studi 17.151

    Napoli - Universit degli studi Parthenope" 16.779

    Udine - Universit degli studi 16.362

    Ancona - Universit Politecnica delle Marche 16.342

    Urbino - Universit degli studi Carlo Bo 15.369

    Trento - Universit degli studi 15.165

    Sassari - Universit degli studi 14.661

    Brescia - Universit degli studi 14.132

    Bergamo - Universit degli studi 14.045

    Macerata - Universit degli studi 11.522

    Catanzaro - Universit degli studi Magna Grecia 11.336

    Foggia - Universit degli studi 11.182

    Cassino - Universit degli studi 11.087

    Reggio Calabria - Universit degli studi Mediterranea 10.255

    Fonte: statistica.miur.it/ (dati a.a. 2008/2009)

    Tabella 2Numero di studenti iscritti per livello (valore assoluto)

    Livello Ca Foscari Sassari Trento Urbino

    06/07 07/08 08/09 09/10 08/09 08/09 08/09

    I livello 12.202 12.501 12.621 12.379 8.136 8.660 8.919

    II livello 3.414 3.800 4.000 4.185 1.237 2.957 2.457

    Totale Ateneo* 15.616 16.301 16.621 17.137 9.373 11.617 11.376

    Numero di studenti iscritti per livello (valore %)

    I livello 78% 77% 76% 72% 87% 75% 78%

    II livello 22% 23% 24% 24% 13% 25% 22%

    Totale Ateneo* 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100%

    (*) Totale I e II livelloFonte: statistica.miur.it/ (dati a.a. 2008/2009)

    Per quanto riguarda il numero complessivo di unit di personale docente, Ca Foscari risulta allineata a Sassari e Trento e addirittura inferiore a Urbino, nonostante essa presenti un numero maggiore di studenti. Questo potrebbe influenzare negativamente la qualit dellofferta didattica. Il 38% del personale docente di Ca Foscari a poi contratto. Questa percentuale risulta simile a quella dellUniversit di Trento mentre di molto superiore a quella di Sassari e inferiore a quella di Urbino. Il trend comunque discendente e dovrebbe evidenziare un miglioramento della qualit dellofferta didattica [Tabella 3].Per quanto riguarda il numero complessivo di unit di PTA, nel triennio 07/09 aumentato di 32 unit. Complessivamente comunque inferiore a quello di Sassari e Trento nonostante Ca Foscari presenti un numero maggiore di studenti, ma superiore a quello di Urbino [Tabella 4].

    Tabella 3 Numero unit personale docente (valore assoluto)

    Docente Ca Foscari Sassari Trento Urbino

    06/07 07/08 08/09 08/09 08/09 08/09

    Contratto 479 375 337 142 331 570

    Ruolo 558 553 543 718 580 440

    Totale 1037 928 880 860 911 1010

    Numero unit personale docente (valore %)

    Docente Ca Foscari Sassari Trento Urbino

    06/07 07/08 08/09 08/09 08/09 08/09

    Contratto 46% 40% 38% 17% 36% 56%

    Ruolo 54% 60% 62% 83% 64% 44%

    Totale 100% 100% 100% 100% 100% 100%

    Fonte: statistica.miur.it/ (dati a.a. 2008/2009)

    Tabella 4Numero unit PTA a tempo indeterminato

    Ca Foscari Sassari Trento Urbino

    06/07 07/08 08/09 08/09 08/09 08/09

    PTA a t. ind. 498 503 530 634 576 382

    Elaborazioni UPV su dati MIUR (dati al 31/12/2008)

    Fiegenbaum e Karnani (1991), tra gli altri, evidenziano come la dimensione ridotta nelle organizzazioni sia spesso un punto di forza in quanto rispetto a quelle grandi, nelle piccole organizzazioni si riscontrano maggiori interazioni tra dipartimenti, aumentando cos le sinergie e la rapidit di risposta ai cambiamenti ambientali. Daltro canto, Sowter (2009) ritiene che dimensioni ideali per aspirare a essere una Universit di livello internazionale non siano poi cos ridotte: 25.000 studenti e 2.500 docenti.Sulla base di queste analisi, la premessa strutturale: La dimensione ridotta, garantendo adattabilit, flessibilit e rapidit di risposta costituisce un punto di forza rilevante risulta solo parzialmente confermata. Sembra infatti confermata la percezione per cui nelle organizzazioni di dimensioni pi ridotte ci sia una pi elevata adattabilit, flessibilit e rapidit di risposta ai cambiamenti ambientali. Nello specifico contesto delle Universit, tuttavia, tali dimensioni non dovrebbero essere cos ridotte per ambire a un ruolo

  • 26 27

    internazionale. Non sembra per soprattutto confermata la percezione che la dimensione di Ca Foscari possa ritenersi ridotta. Tali analisi hanno quindi indotto a modificare la premessa in La dimensione media, garantendo adattabilit, flessibilit e rapidit di risposta, costituisce un punto di forza rilevante.

    Dallanalisi della Struttura Interna riportata in Figura 17, emerge che:Nellambito della Ricerca & Didattica 4. la limitata enfasi sulla ricerca internazionale costituisce un punto di debolezza rilevante;5. lofferta formativa di qualit costituisce un punto di forza rilevante;La dimensione ridotta, o comunque media, induce a riconfigurare strategicamente Ca Foscari come unUniversit orientata non tanto a una didattica di massa, quanto a una ricerca specializzata.Per questo si ritiene che puntare su una ricerca (di base e applicata) eccellente rispetto agli standard internazionali, aumentando i fondi a essa destinati, permetter di migliorare il prestigio dellAteneo in contesti anche non locali e quindi la sua capacit di attrarre maggiori risorse finanziarie (pubbliche e private) e pi qualificate risorse umane (studenti e ricercatori eccellenti) instaurando perci un circolo virtuoso.La scelta strategica di puntare su una ricerca eccellente non deve comunque avvenire a scapito dellofferta formativa che viene considerata di buona qualit e costituisce quindi un punto di forza da continuare a sfruttare anche per trasferire conoscenza utile allo sviluppo economico e culturale, ma anche sociale e ambientale del territorio.Per verificare la fondatezza della 4 premessa si sono analizzati:- landamento dei PRIN, il personale di ruolo attivamente impegnato nella ricerca, il Fondo di Ricerca di Ateneo (FRA), le quote di inattivit, la disponibilit economica media per la ricerca, lentit dei contratti/convenzioni acquisiti da agenzie e enti esteri e internazionali, i progetti finanziati nellambito del 6 e 7 Programma Quadro Europeo, i finanziamenti medi per la ricerca internazionale per docente di ruolo, i prodotti della ricerca in lingua straniera, il catalogo UGOV, le banche dati Scopus e Isi Thomson;- le indicazioni emergenti dal Piano Nazionale della Ricerca 2010-2012.Per quanto riguarda landamento dei PRIN, Ca Foscari ha presentato un numero di partecipanti e soprattutto di progetti decisamente inferiore a Sassari e Trento, ma superiore a Urbino. Ha tuttavia conseguito una percentuale maggiore di progetti finanziati rispetto ai competitor [Tabella 5]. Lindicatore del Programma Triennale b1-Personale di ruolo attivamente impegnato nella ricerca risulta per Ca Foscari in aumento tra il 2005 e il 2008, leggermente inferiore a Trento e in linea con Urbino. Sassari presenta invece un indicatore pi basso [Tabella su richiesta]. Per quanto riguarda la distribuzione e la composizione del FRA, larea scientifica presenta in valore sia assoluto che relativo il livello maggiore di assegnazioni in tutti gli anni considerati (2008-10). Le quote di inattivit pi elevate si registrano nellarea economica e scientifica, mentre larea umanistica risulta la pi attiva. Con particolare riferimento alle quote di inattivit a livello di dipartimenti, risultano particolarmente inattivi Scienze Giuridiche, Scienze Economiche, Americanistica Iberistica e Slavistica, Chimica e Fisica e Scienze Ambientali [Tabella su richiesta].

    Tabella 5Andamento dei progetti PRIN

    Ca Foscari Sassari Trento Urbino

    2005-2006 2007-2008 2007-2008 2007-2008 2007-2008

    Partecipanti presentati 232 293 387,5 348,5 241,5

    Partecipanti finanziati 91 95 112,5 97,5 61

    Progetti presentati 29 35 46,5 44 29,5

    Progetti finanziati 9 8 10,5 9,5 5,5

    Unit locali presentate 77 92 142 152 88

    Unit locali finanziate 33 28 39,5 39 19,5

    Ca Foscari Sassari Trento Urbino

    Finanziati/Presentati 2005-2006 2007-2008 2007-2008 2007-2008 2007-2008

    Partecipanti 39,3% 32,5% 29,0% 28,0% 25,3%

    Progetti 31,6% 23,2% 22,6% 21,6% 18,6%

    Unit locali 42,2% 30,6% 27,8% 25,7% 22,2%

    Fonte: http://datiprin.cineca.it/php5/generico/prin.php

    Lindicatore del Programma Triennale b4-Disponibilit economica media per la ricerca scientifica per professore di ruolo e ricercatore risulta per Ca Foscari tra il 2005 e il 2008 molto inferiore rispetto ai competitor e costante negli anni [Tabella 6]. Questo dato in particolare sembra evidenziare una limitata enfasi sulla ricerca da parte di Ca Foscari.

    Tabella 6Indicatore b4. Disponibilit economica media per la ricerca scientifica per professore di ruolo e ricercatore

    Ca Foscari Sassari Trento Urbino

    2005 2006 2007 2008 2008 2008 2008

    Uscite di bilancio per la ricerca scientifica nellAteneo (migliaia di euro)

    7.102 5.721 6.815 6.821 13.683 21.961 6.840

    Numero di professori di ruolo e di ricercatori nellAteneo (di ruolo, ovvero di cui allart. 1, comma 14, della legge n. 230/2005)

    555 558 553 543 718 580 440

    Indicatore 12,796 10,253 12,324 12,562 19,057 37,864 15,545

    Fonte: Indicatori Piano Triennale (https://ateneo.cineca.it/pro3/)

    Lindicatore del Programma Triennale d4-Entit dei contratti/convenzioni acquisiti da agenzie e enti esteri e internazionali risulta per Ca Foscari tra il 2005 e il 2008 poco costante e con un picco negativo nel 2007, ma decisamente superiore a tutti i competitor forse anche per i minori finanziamenti interni [Tabella su richiesta]. Per contro, la capacit di Ca Foscari di farsi finanziare progetti nellambito del 6 e 7 Programma Quadro Europeo, appannaggio quasi esclusivamente della Facolt di Economia, decisamente inferiore a quella di Trento forse a causa della loro maggiore complessit che impone la presenza di apposite strutture di supporto [Tabella su richiesta]. I dipartimenti che riescono ad attrarre pi finanziamenti medi per la ricerca internazionale per docente di ruolo sono Studi Storici, Scienze Ambientali, Informatica e Scienze Economiche (valori molto sopra la media). Questi risultati appaiono importanti soprattutto per Scienze Ambientali e Scienze Economiche anche in considerazione degli ulteriori finanziamenti reperiti da IDEAS che come centro poggia anche sui due dipartimenti citati.

  • 28 29

    Vista lalta percentuale di docenti inattivi in Scienze Ambientali e Scienze Economiche sembra che soprattutto in questi due casi accanto a docenti inattivi ce ne sono altri molto attivi anche nella capacit di attrarre finanziamenti per la ricerca internazionale [Tabella su richiesta].Per quanto riguarda i prodotti della ricerca in lingua straniera, a livello di Ateneo il 46,8% del totale delle pubblicazioni in lingua inglese, il 6,5% in una lingua straniera diversa dallinglese. Le quote maggiori di pubblicazioni in lingua straniera si registrano nellarea scientifica (84,6%) ed economica (52,2%). Nellarea linguistica il 43,7% delle pubblicazioni in lingua straniera, e in quella umanistica solo il 18,3% [Tabella su richiesta]. Per quanto riguarda i prodotti della ricerca inseriti nel catalogo interno UGOV 2008-2009, emerge come siano Storia delle arti e Conservazione dei beni culturali, Scienze ambientali e Scienze economiche a contare il numero maggiore di Prodotti della Ricerca per Docente [Tabella 7]. Secondo la banca dati ISI THOMSON, Ca Foscari si posiziona meglio dei suoi competitor per n di articoli nellarea umanistica e linguistica, e al secondo posto per larea economica superata solo da Trento [Tabella su richiesta].Il Piano Nazionale della Ricerca 2010-2012 suggerisce alle Universit un chiaro differenziamento delle eccellenze formative da quelle di ricerca, e quindi una pi netta suddivisione tra teaching university (in cui la didattica rappresenta il 90% delle attivit) e research university (in cui la ricerca rappresenta 50% delle attivit) e per tutte lintrapresa di un processo di Internazionalizzazione evidenziando perci come una scarsa focalizzazione e uno scarso orientamento allinternazionalizzazione costituiscono punti di debolezza rilevanti.

    Tabella 7Prodotti della ricerca pro-capite per dipartimento

    Dipartimento Totale per dipartimento

    Totale prodotti della ricerca

    Totale docenti Prodotti / Docenti

    Americanistica, iberistica e slavistica 84 33 3

    Chimica 78 31 3

    Chimica fisica 60 27 2

    Economia e direzione aziendale 77 41 2

    Filosofia e teoria delle scienze 84 30 3

    Informatica 59 21 3

    Italianistica e filologia romanza 81 27 3

    Matematica applicata 65 25 3

    Scienze ambientali 163 43 4

    Scienze del linguaggio 74 23 3

    Scienze dellantichit e del vicino oriente 64 40 2

    Scienze economiche 101 26 4

    Scienze giuridiche 64 21 3

    Statistica 44 22 2

    Storia delle arti e conservazione dei beni artistici 111 23 5

    Studi eurasiatici 52 25 2

    Studi europei e postcoloniali 32 35 1

    Studi storici 88 27 3

    Studi sullAsia orientale 68 26 3

    Totale 1449 546 3

    Fonte: U-GOV Catalogo dei prodotti della Ricerca (anno 2009)

    Sulla base di queste analisi, la premessa strutturale: La limitata enfasi sulla ricerca (internazionale) costituisce un punto di debolezza rilevante risulta confermata.Per verificare la fondatezza della 5 premessa si sono analizzati: - il rapporto tra il numero di docenti di ruolo che appartengono a SSD di base e caratterizzanti e il numero teorico di corsi;- il numero di CFU acquisiti dagli iscritti al secondo anno; - il rapporto tra il numero di docenti di ruolo e gli iscritti; - il rapporto tra il numero di PTA e gli iscritti; - il rapporto tra il numero di posti aula e nelle biblioteche e gli iscritti; - la percentuale di laureati che si riscriverebbero allo stesso ateneo; - lo stato occupazionale dei laureati. Lindicatore per il riparto del FFO A1-Rapporto tra il numero di docenti di ruolo che appartengono a settori scientifico disciplinari di base e caratterizzanti e il numero teorico di corsi nella.a. 08/09 risulta per Ca Foscari in linea con quello dei competitor [Tabella 8]. A livello di Facolt i rapporti sono equilibrati a eccezione che nel caso della Facolt di SMFN che presenta un rapporto lievemente peggiore [Tabella su richiesta].Gli indicatori per il riparto del FFO A2-Rapporto tra il numero di studenti iscritti nella.a. 08/09 al secondo anno che hanno acquisito almeno i 2/3 dei CFU previsti e il numero di immatricolati dello stesso corso nella.a. 07/08 e A3-Rapporto tra CFU effettivamente acquisiti e CFU previsti per gli studenti iscritti nella.a. 07/08, evidenziano una carriera di studio da parte degli studenti di Ca Foscari simile o comunque migliore a quella degli studenti delle Universit competitor [Tabella 9 e Tabella 10].

    Tabella 8A1. Rapporto tra il numero di docenti di ruolo che appartengono a settori scientifico-disciplinari (SSD) di base e caratterizzanti e il numero teorico di corsi nella.a. 2008/09 (corsi di laurea e corsi di laurea magistrale a ciclo unico)

    Ca Foscari Sassari Trento Urbino Valore mediano

    Totale Atenei che partecipano

    a ripartiz. 7%

    Numero docenti 494 655 520 n.d.* 53.706

    Numero teorico corsi 28 40 26 n.d.* 3.466Indicatore 17,643 16,375 20 n.d.* 15,079

    Indicatore normalizzato 1,17 1,086 1,326 n.d.*

    Tabella 9A2. Rapporto tra il numero di studenti iscritti, nella.a. 2008/09, al secondo anno avendo acquisito almeno i 2/3 dei CFU previsti e il numero di immatricolati, del medesimo corso, nella.a. 2007/08

    Ca Foscari Sassari Trento Urbino Valore mediano

    Totale Atenei che partecipano

    a ripartiz. 7%

    Iscritti al secondo anno nellA.A. 2008/09

    1.449 358 1.124 n.d.* 91.692

    Immatricolati nellA.A. 2007/08

    3.185 2.382 2.451 n.d.* 278.872

    Indicatore 0,455 0,150 0,459 n.d.* 0,347

    Indicatore normalizzato 1,311 0,433 1,321 n.d.*

    (*) LAteneo di Urbino non rientra fra gli atenei che si ripartiscono lFFO. Si tratta di un ex ateneo privato che diventato statale solo negli ultimi anni, ma che ha concordato con il MIUR un meccanismo di finanziamento ad hoc. Per questo motivo non esistono dati ad esso afferenti.

    Fonte: Anali

Welcome message from author
This document is posted to help you gain knowledge. Please leave a comment to let me know what you think about it! Share it to your friends and learn new things together.