Top Banner

Click here to load reader

· Web view [Incipit liber xxviiius de aduentu Panthasilee, regine Amazonum. ]Duobus mensibus integraliter euolutis, rex Priamus portas ciuitatis noluit aperiri. Quare Troyanis existentibus

Jan 12, 2020

ReportDownload

Documents

others

Le Roman de Troie par Benoît de Sainte-Maure, publié d’après tous les manuscrits connus par Léopold Constans, 6 voll., Paris 1904-1912

Testo elettronico acquisito e trascritto da Silvia De Santis PROLOG0

Salemon nos enseigne e dit,

E sil list om en son escrit,

Que nus ne deit son sen celer,

Ainz le deit om si demostrer

5

Que l’om i ait pro e honor,

Qu’ensi firent li ancessor.

Se cil qui troverent les parz

E les granz livres des set arz,

Des philosophes les traitiez,

10

Dont toz li monz est enseigniez,

Se fussent teü, veirement

Vesquist li siegles folement :

Come bestes eüssons vie ;

Que fust saveirs ne que folie

15

Ne seüssons sol esguarder,

Ne l’un de l'autre desevrer.

Remembré seront a toz tens

E coneü par lor granz sens,

Quar sciënce que est teüe

20

Est tost obliëe e perdue.

Qui set e n’enseigne o ne dit

Ne puet muër ne s’entroblit;

E sciënce qu’est bien oïe

Germe e florist e frutefie.

25

(…)

E qui plus set, e plus deit faire :

De ço ne se deit nus retraire.

E por ço me vueil travaillier

En une estoire comencier,

35

Que de latin, ou jo la truis,

Se j’ai le sen e se jo puis,

La voudrai si en romanz metre

Que cil qui n’entendent la letre

Se puissent deduire el romanz:

‘Salomone ci insegna e dice / - lo si legge nel suo libro / – che nessuno il suo sapere deve celare, / ma lo deve ben mostrare / per conquistare pregio e onore, / che cosí fecero i predecessori. / Se quelli che trovarono le parti, / e i grandi libri delle sette arti / e dei filosofi i trattati, / da cui tutti hanno imparato, / avessero taciuto, veramente / vivrebbe il mondo follemente: / da bruti noi condurremo la vita, / e cosa sia sapere e follia / non sapremmo riconoscere, / né l’uno dall’altra distinguere. / Saranno ricordati in ogni tempo/ e conosciuti per il gran senno, / poiché la scienza che è taciuta/ presto è dimenticata e perduta. / Chi sa e non l’insegna e dice, / l’oblio non può evitare; / ma la scienza ben ricevuta / germoglia e fiorisce e frutta. / […] / E chi più sa, più deve fare; / da ciò non si deve nessuno sottrarre. / E perciò mi voglio adoperare / per un racconto cominciare, / che dal latino, in cui lo trovo, / se ne ho il sapere e posso, / in romanzo lo voglio mettere/ sì che chi non comprende il latino / possa godere del romanzo.’)

40 Mout est l'estoire riche e granz E de grant uevre et de grant fait.

En maint sen avra l’om retrait, Saveir com Troie fu perie, Mais la verté est poi oïe.

45 Omers, qui fu clers merveillos

E sages e esciëntos,

Escrist de la destrucion,

Del grant siege e de l'acheison

Por quei Troie fu desertee,

50 Que onc puis ne fu rabitee.

Mais ne dist pas sis livres veir,

Quar bien savons senz nul espeir Qu'il ne fu puis de cent anz nez Que li granz oz fu assemblez :

55 N’est merveille s’il i faillit, Quar onc n’i fu ne rien n'en vit.

La storia è davvero ricca e fgrande/ e fondata su opere grandi e grandi eventi/ e molto si sarà arricchiti / nel sapere come Troia fu distrutta/ ma la verità è poco ascoltata./ Omero che fu uno scrittore straordinario/ e saggio e sapiente/ scrisse della distruzione, / del grande assedio e della causa/ per la quale Troia fu abbandonata/ e mai più ripopolata./ Ma il suo libro non dice la verità/perché sappiamo chiaramente, senza dubbio/ che nacque 100 anni dopo che l’assedio fu compiuto:/ non c’è da stupirsi se ha sbagliato/ perché non ha mai visto nulla.

Quant il en ot son livre fait E a Athenes l’ot retrait, Si ot estrange contençon :

60 Dampner le voustrent par reison,

Por ço qu’ot fait les damedeus Combatre o les homes charneus.

Tenu li fu a desverie

E a merveillose folie

65 Que les deus come homes humains

Faiseit combatre as Troïains,

E les deuesses ensement

Faiseit combatre avuec la gent ;

E quant son livre reciterent,

70 Plusor por ço le refuserent.

Mais tant fu Omers de grant pris

E tant fist puis, si com jo truis,

Que sis livres fu receüz

E en autorité tenuz.

Ci fu uno strano dibattito/lo volevano condannare a morte/ con l’accusa d’aver fatto combattere/ gli dei con gli uomini mortali./ Fu considerata una follia,/ una stranezza stupefacente/ che facesse lottare gli dei/ come se fossero uomini/ coi Troiani, e altrettanto/ che le dee/ facessero combattere con le persone./ E quando recitarono il suo libro,/ molti per questo lo rifiutarono. / Ma Omero fu di tale pregio/ e tanto fece, come poi trovo( che il suo libro fu accolto/ e reputato autorevole.

75 Après lonc tens que ç’ot esté,

Que Rome ot ja piece duré,

El tens Saluste le vaillant,

Que l'on teneit si a poissant,

A riche, a pro de haut parage

80 E a clerc merveillos e sage, Cil Salustes, ço truis lisant, Ot un nevo fortment sachant :

Cornelius ert apelez,

De letres sages e fondez.

85 De lui esteit mout grant parole :

A Athenes teneit escole.

Un jor quereit en un aumaire Por traire livres de gramaire :

Tant i a quis e reversé

90 Qu’entre les autres a trové L’estoire que Daire ot escrite,

En greque langue faite e dite.

Dopo lungo tempo/ quando ormai vi era Roma/ al tempo del valente Sallustio/ ritenuto molto potente/ ricco, nobile/ un clerc straordinario e saggio/ quel Sallustio, trovo leggendo/ ebbe un nipote di grande sapienza/ era chiamato Cornelio/ ben formato e sapiente nelle lettere./ Di lui si parlava molto/ e teneva una scuola ad Atene/. Un giorno frugava in un armadio/ per cercava libri di grammatica/ tanto ha cercato e frugato/ che fra gli altri libri ha trovato/ la storia scritta da Darete/ fatta e dettata in greco.

Icist Daires dont ci oëz

Fu de Troie norriz e nez ;

95 Dedenz esteit, onc n’en eissi

Desci que l’oz s’en departi ; Mainte proëce i fist de sei E a asaut e a tornei.

En lui aveit clerc merveillos

100 E des set arz esciëntos :

Por ço qu’il vit si grant l’afaire

Que ainz ne puis ne fu nus maire,

Si voust les faiz metre en memoire :

En grezeis en escrist l’estoire. 105 Chascun jor ensi l'escriveit Come il o ses ieuz le veeit.

Tot quant qu’il faiseient le jor

O en bataille o en estor,

Tot escriveit la nuit après

110 Icist que je vos di Darès : Onc por amor ne s’en voust taire De la verté dire e retraire.

Questo Darete del quale udite qui parlare / nacque e fu educato a Troia/ si trovava dentro la città e mai ne uscì/ fin quando l’armata greca si ritirò/ compì molte prodezze personali /negli assalti e nei tornei. /In lui c’era un chierico straordinario/e conoscitore delle sette arti:/ per il fatto di aver visto il grande evento/ tale che mai non ve ne fu di più grande/ volle fissarlo nella memoria/ ed in greco ne scrisse la storia./ Ogni giorno la scriveva/ così come la vedeva con i suoi occhi./ tutto quanto avveniva di giorno/ in battaglia o in tregua/ subito lo scriveva la notte/ costui che ho chiamato Darete:/ mai per amore volle tacere/ nel dire e raccontare la verità.

Por ço, s'il ert des Troïens,

Ne s’en pendié plus vers les suens,

115 Ne mais que vers les Grezeis fist : De l’estoire le veir escrist.

Lonc tens fu sis livres perduz,

Qu’il ne fu trovez ne veüz ;

Mais a Athenes le trova

120 Cornelius, quil translata :

De greu le torna en latin Par son sen e par son engin.

Mout en devons mieuz celui creire

E plus tenir s’estoire a veire

125 Que celui qui puis ne fu nez

De cent anz o de plus assez, Qui rien n'en sot, iço savon, Se par oïr le dire non.

Per questo, benché fosse troiano/ non ha parteggiato per i suoi/ più di quanto non abbia fatto nei confronti dei Greci:/ della storia scrisse la verità/ A lungo fu il suo libro perduto/ e più non fu Né trovato, né visto/ ma ad Atene lo trovò/ Cornelio che lo tradusse:/ dal greco lo volse in latino/ grazie al suo senno e alla sua abilità./ Dobbiamo davvero credere in lui/ e più considerare veritiera la sua storia/ rispetto a quella narrata da uno nato/ cent’anni dopo/ che nulla seppe, questo sappiamo, / se non per sentito dire.

Ceste estoire n’est pas usee,

13o N'en guaires lieus nen est trovee : Ja retraite ne fust ancore,

Mais Beneeiz de Sainte More

L’a contrové e fait e dit

E o sa main les moz escrit,

135 Ensi tailliez, ensi curez,

Ensi asis, ensi posez, Que plus ne meins n’i a mestier.

Ci vueil l

Welcome message from author
This document is posted to help you gain knowledge. Please leave a comment to let me know what you think about it! Share it to your friends and learn new things together.