Top Banner

of 40

Integrazione del S©

Jul 19, 2015

ReportDownload

  • SETTIMANA DEL BENESSERE PSICOLOGICO I. M. P. V. Marone 24 Novembre 2011

  • Tipi di Memoria

  • Memoria Procedurale

  • Memoria esplicita e implicita

  • Lesperienza come viene immagazzinataUn engramma una modificazione relativamente permanente del sistema nervoso dovuta allesperienza: ci che resta dopo che qualcosa stato appreso;La memoria dichiarativa sembra dipendere dalle regioni mediotemporali e diencefaliche, la memoria procedurale da gangli della base e cervelletto;Lamigdala coinvolta nella modulazione degli aspetti emozionali del ricordoI lobi frontali sono fondamentali per i processi di ragionamento, memoria strategica e memoria episodica; Si attivano i lobi frontali anche in compiti di problem-solving, di ragionamento e nel funzionamento della memoria di lavoro.

  • CORNICE TEORICABasi neurologiche nei soggetti traumatizzatiLattivazione dei ricordi traumaticidetermina:

    iperattivazione dellamigdala;attivit di inibizione top-down sulla corteccia ventrale del cingolo anteriore e sulla corteccia prefrontale mediale e dorsolaterale;iperattivazione dellemisfero cerebrale destro;ipoattivazione dellarea di Broca. Inadeguato funzionamentodellemisfero sinistro, in particolaredella corteccia prefrontale dorsolateraleEsperienze emotivamente intense, non etichettabili, controllabili o comunicabili verbalmente in modo adeguato.esperienze di derealizzazione, depersonalizzazione, percezione delle sensazioni intrusive come estranee al s.

  • Lesposizione al trauma determina 2 tipi di effetti sul ricordo dellevento:

    iperamnesia intrusiva, che si manifesta attraverso flashback, ovvero brevi episodi dissociativi durante i quali viene rivissuto il trauma in forma sensomotoria o tramite ricordi intrusivi; frammentazione disordinata del ricordo o una completa amnesia post-traumatica non organica.Nei soggetti ansiosi si determinano strategie inefficaci per la continua intrusione di particolari irrilevanti che disturbano la memoria di lavoro.CORNICE TEORICA Gli effetti del trauma sul ricordoSi diffonde uno stato di preoccupazione che concentra lattenzione su di s e sul pericolo di perdere lautostima invece che sul compito assegnato (Eysenck, 1982, 1992).

  • Tipi di apprendimentoApprendimento delle abilit motorie complesse E presente la consapevolezza nella fase iniziale, poi diventa automatico. Si articola in tre tappe: differenziazione delle componenti principali dellabilit motoria; apprendimento dei movimenti minori di ciascuna componente; coordinazione delle componenti apprese. Apprendimento cognitivo Coinvolge lintelligenza, ed lapprendimento di un principio o di una regola generale che consente di fornire risposte diverse al variare delle condizioni, poich la risposta determinata dalla comprensione di una relazione fissa tra stimoli ogni volta diversi.

  • Apprendimento AttivoImparare facendo I nostri concetti radicati nella realt sono concetti operativise no le nostre avventure speculative sarebbero come passeggiate immaginarie in un paesaggio sconosciuto, precluso a chiunque altro fosse interessato a seguire le nostre tracce;I parametri sono: buona documentazione, chiarezza di formulazione, concretezza, coerenza;Poter valutare se una determinata azione vantaggiosa o svantaggiosa e grazie alla retroazione noi riprogrammiamo il piano di azione e rivalutiamo la situazione.

  • Apprendimento AttivoMuoversi dallastratto al concreto imparando a pensare concretamente. Questo processo pu essere illustrato da una scala si passa da una nuvola e si va alla ricerca di unazione pi specifica per portarla a compimento;Il primo e il secondo modello non concludono con una semplice decisione giusta vsdecisione sbagliata, ma approfondisce la nostra riflessione e,la nostra capacit di ascoltarci a vicenda, applicando il metodo del pensiero efficace per migliorare le azioni compiute nella nostra vita;Lepistemologia del rispetto riconosce che ognuno di noi possiede unesperienza unica del mondo e le nostre parole ed espressioni non sono fotografie del mondo esterno.

  • Modellamento mente corpo

    Come disse un saggio samoano parlando del Papalaghi, luomo bianco: il Papalaghi pensa tanto, che il pensare diventato per lui abitudine, necessit, costrizione addirittura [] Lui vive soltanto con la testa, mentre tutti i suoi sensi giacciono nel sonno profondo [] Quando splende il sole, lui subito pensa: [] Come splende. Questo sbagliato [] Perch quando splende il sole meglio non pensare affatto. Un saggio samoano distende le sue membra nella calda luce e non pensa a niente. Accoglie il sole non solo con la testa, ma anche con le mani, con i piedi, con i fianchi, il ventre, con tutte le membra. Lascia che la pelle e le membra gioiscano e si rallegrino per conto loro e persino per lui. Ed esse certamente pensano, anche se in maniera diversa dalla testa (Guarnaccia, 1998).

  • La conoscenza del mondo comincia cercando un senso: un senso immediatamente corporeo;Percezione delle sensazioni corporee, auto-espressione e respirazione, sono alcune delle modalit che il corpo ha come risorse e con le quali in grado di influire sulla mente e sullo stato di benessere ad essa associato;Non c' cambiamento in noi che non passi dal corpo: il corpo rivela il nostro stare al mondo e lo vincola,; Con Eutimia possibile intervenire trattando l'individuo nel corpo, mirando perci alla liberazione del muscolo e all'allentamento delle fasce connettivali che lo contengono, ma anche ponendo particolare attenzione al funzionamento fisiologico e patologico del Sistema Nervoso Autonomo (SNA) Modellamento mente corpo

  • Modellamento mente corpo Un trattamento eutimico un lavoro di contatto, spesso regressivo, che va quindi a toccare stati antichi della personalit e del vissuto della persona, momenti in cui l'individuo pu sperimentare un profondo bisogno di sostegno e contenimento o, al contrario di maneggiamento e stimolazione;

    Come ci conferma anche Laura Perls (1978): "io utilizzo qualsiasi tipo di azione o di contatto fisico, se penso che ci possa facilitare un passo in avanti del paziente nella sua consapevolezza della situazione presente;

  • Corpo, mente e animaSiamo fatti di tre livelli strettamente connessi tra loro: - Il corpo la dimensione fisica, la parte materiale che pu essere vista in maniera chimica; cellule, nervi, ossa, ecc. - Poi c la mente, quella con cui ragioniamo, che ci permette diformulare pensieri, discorsi, processi; ha anche una parte affettiva, chesceglie e determina i nostri comportamenti. - Infine abbiamo il terzo livello, lanima. La mente lostacolo che impedisce diaccedere a questa dimensione. La mente mente mette un blocco e un veto a tutto quello che nonriesce a prendere in considerazione. Per comprendere le cose dellanima lamente non serve, servono invece il sentire e il concepire qualcosa cheva ben al di l della mente.

  • Lanima quella parte di noi che vede anche quando abbiamo gli occhi chiusi: il timonierenascosto che guida la nostra barca anche quando non sappiamo dove stiamoandando; Per accedere allanima bisogna riuscire anche per pochi momenti a far tacere il rumore della mente; Il linguaggio della spiritualit metaforico e dunque funziona come ilsogno, altra nostra enorme potenzialit impossibile da comprendere etradurre con la mente razionale. Tutto ci che appartiene a questa dimensione, tradotto con la parte della mente diventa banale e senza senso.

    Corpo, mente e anima

  • Corpo, mente e anima

    Lanima una dimensione molto pi profonda, quella che si lega allESSERE e non al fare e al pensare; quella parte che ci ANIMA,altrimenti non avremmo vita. Possiamo anche vederla sotto forma diconsapevolezza, ma essere consapevoli non vuol dire pensare, vuol dire"essere totalmente presenti qui e ora, nel preciso istante in cui si sta vivendo.

  • SETTIMANA DEL BENESSERE PSICOLOGICO I. M. P. V. MARONE 24 Novembre 2011

  • Movimento e innervazione muscolare Uno stato di "affaticamento" pu venire evidenziato da un atteggiamento posturale della persona, riflettendosi primariamente sul ciclo respiratorio e nella dinamica motoria del bacino; Il ritmo del respiro rappresenta il coinvolgimento con la nostra vita e il bacino il nostro atteggiamento prestabilito verso la stessa e la capacit di bascularlo in avanti e indietro associata alla possibilit di possedere un pieno deflusso emozionale; Molto giovani accusano gi dolori alla schiena nella fascia lombare. A loro si riscontra spesso un diaframma contratto che blocca le onde respiratorie che, naturalmente, attraverserebbero il corpo armonizzandolo, e un bacino che "spezza" in due la grazia naturale della sua postura eretta.

  • Contatto cutaneo

  • Contatto cutaneo

  • Tipico soggetto orale

  • Postura statica

  • Tipico soggetto rigido

  • Tipo soggetto isterico

  • Tipico soggetto masochistico

  • Terapia Manuale e Terapia Bioenergetica

  • Che cos la Terapia AttivaFerenczi attraverso il lavoro col corpo lavora molto sulle prime fasi di vita e comprende che la maggior parte delle volte, quando i pazienti parlano dei traumi e abusi sessuali subiti nell'infanzia, non stanno portando materiale fantastico, ma realt vissute;Ferenczi intervenendo sul corpo si accorge di riuscire a riportare il paziente "a stadi dello sviluppo in cui non esistevano ancora organi di pensiero completamente formati, stadi di cui sono stati registrati soltanto ricordi corporei". "Il ricordo rimane nel corpo e solo l possibile risvegliarlo. Vede la scissione come difesa dalla sofferenza traumatica.

  • Che cos la Terapia AttivaFerenczi incontra un problema: anche se i pazienti tornano pi di una volta al trauma, alle ferite, ai conflitti, nel tempo questo da solo